Nikhil Wahi si è dichiarato colpevole in una causa per insider trading di criptovalute

Secondo il DOJ, Nikhil Wahi si è dichiarato colpevole di un’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla frode telematica in relazione a un piano di insider trading su cripto-asset.

Il Dipartimento di Giustizia la definisce la “prima indagine in assoluto sull’insider trading di criptovalute”. A luglio, Nikhil Wahi è stato arrestato.

Dall’ottobre 2020, suo fratello, Ishan Wahi, lavora presso Coinbase come product manager dedicato al gruppo di quotazione degli asset della rete di scambio di criptovalute.

Il Dipartimento di Giustizia ha dichiarato che Nikhil ha beneficiato in molti casi tra il luglio 2021 e il maggio 2022 sfruttando “le conoscenze segrete di Coinbase su quali asset di criptovalute erano previsti per essere lanciati su Coinbase”.

A seguito di suggerimenti utili da parte del fratello su quali asset di criptovalute Coinbase aveva pianificato di elencare sui suoi mercati online, Nikhil Wahi ha utilizzato conti blockchain Ethereum senza nome per ottenere tali asset di criptovalute poco prima che Coinbase rivelasse ufficialmente le inserzioni, ha sottolineato il DOJ, aggiungendo che Nikhil ha messo all’asta gli asset di criptovalute per ottenere un reddito in numerose occasioni dopo gli aggiornamenti pubblici delle inserzioni di Coinbase.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Secondo il DOJ, Nikhil ha utilizzato portafogli presso piattaforme centralizzate di proprietà di altri e ha trasferito denaro, criptovalute e ricavi della loro cospirazione attraverso molti portafogli blockchain Ethereum senza nome per mascherare le sue transazioni.

Il Dipartimento di Giustizia ha aggiunto che anche Nikhil Wahi ha spesso generato e utilizzato nuovi portafogli Ethereum senza precedenti pagamenti per coprire la sua partecipazione al piano.

La SEC ha accusato i fratelli e il loro conoscente di insider trading. Nikhil Wahi e la sua compagna sono accusati di aver acquistato almeno 25 criptovalute, di cui almeno 9 erano azioni, per poi venderle con profitto subito dopo il rilascio. La lunga operazione di insider trading ha fruttato oltre 1,1 milioni di dollari di guadagni illeciti.