Meta continuerà a investire nel metaverso nel 2023 secondo il capo di Reality Labs

Secondo Andrew Bosworth, capo di Reality Labs, Meta continuerà a investire nel metaverso nel 2023.
Meta continuerà a investire
Meta continuerà a investire

Meta continuerà a investire nella tecnologia VR (realtà virtuale) nel 2023, secondo le dichiarazioni rilasciate da Andrew Bosworth, capo di Reality Labs, la divisione metaverso dell’azienda. Anche se Meta ha dovuto ricalibrare i suoi piani, Bosworth afferma che la società è ancora fortemente incentrata nello sviluppo del suo metaverso.

Meta continuerà a puntare su Metaverse e VR nel 2023

Meta ha in programma di continuare a sviluppare progetti relativi al metaverso e alla realtà virtuale durante tutto il 2023. Andrew Bosworth, che dirige la divisione del metaverso chiamata Reality Labs, spiega che, anche se la società ha avuto vari problemi dovuti alla difficile situazione economica nel 2022, continuerà a portare avanti questa sua nuova visione.

Bosworth ha infatti dichiarato:

“Posso affermare con sicurezza che dopo uno degli anni più difficili nella storia dell’azienda, Meta rimane impegnata nella stessa visione per il futuro.”

Il rebranding di Facebook in Meta è stato annunciato il 28 ottobre 2021, con un cambiamento nell’ambito e nell’obiettivo dell’azienda, per rendere il metaverso un luogo reale in cui le persone saranno in grado di socializzare, trovare delle comunità e far crescere le imprese. Bosworth ritiene che questa sia la cosa giusta da fare per superare la mentalità miope attuale, che considera disastrosa.

Investimenti e successi

La società ha annunciato il 9 novembre del 2022 ben 11.000 licenziamenti. Tuttavia, l’azienda destina ancora il 20% del suo budget a Reality Labs, la divisione principale del metaverso.

Sebbene ci siano stati diversi investitori che hanno chiesto a Meta di abbandonare la sua attività nel metaverso, Bosworth ha dichiarato che questo livello di investimento “ha senso per un’azienda impegnata a rimanere all’avanguardia di uno dei settori più competitivi e innovativi al mondo”.

Questa tipologia di investimento continuerà ad alimentare i progressi che Meta vuole portare al settore nel 2023, che saranno incentrati sulla ricerca e lo sviluppo AR (realtà aumentata). Secondo Bosworth, circa la metà delle risorse di Reality Labs viene attualmente indirizzata verso questo tipo di iniziativa.

Il 2023 sarà un anno di grandi sviluppi nel metaverso per l’azienda, conclude Bosworth, poiché Meta mira a progettare il successore del visore Meta Quest 2 e si concentra sulla crescita e il miglioramento delle comunità che fanno parte di Horizon Worlds, la piattaforma virtuale di punta nel metaverso.

I migliori progetti del metaverso per il 2023

Meta è certamente la società più nota a livello globale attiva nel metaverso, ma i progetti interessanti in questo settore sono numerosi. Per il 2023 due sembrano avere le maggiori potenzialità di successo.

Fight Out

Meta continuerà a investire
Meta continuerà a investire

Fight Out è un’app di fitness move-to-earn (M2E) e una catena di palestre che ludicizza gli stili di vita sportivi.

Quando ti iscrivi a questa piattaforma, Fight Out ti richiede di inserire i tuoi obiettivi, abilità ed esigenze, in modo da poter ottenere allenamenti personalizzati: l’app mira infatti a portarti ai tuoi più alti standard fisici, implementando una “strategia di adattamento al combattimento” che mantiene i muscoli e le articolazioni in buone condizioni di lavoro.

Fight Out è un’app di fitness progettata per fornire tutto ciò di cui c’è bisogno per mettersi in forma: oltre a un programma di allenamento personalizzato al momento dell’iscrizione, verranno offerti video didattici di alta qualità, supervisione di personal trainer per assicurarti di non commettere errori e farti male.

Inoltre, l’app introdurrà lezioni di allenamento su richiesta e sessioni dal vivo, che potrai goderti da remoto o nelle palestre fisiche Fight Out. Potrai contare su video incentrati su alcune tecniche, che ti introdurranno ai fondamenti della boxe, dai pugni al gioco di gambe.

Questa piattaforma M2E darà vita a una comunità in cui chiunque può condividere il proprio stato di allenamento e i propri progressi, motivando così a fare di più. Inoltre, puoi condividere i tuoi risultati per confrontarli con quelli degli altri.

Come funzionano i reward in Fight Out

Come piattaforma di move to earn, Fight Out ti premia con la sua criptovaluta nativa, REPS, mentre ti impegni e completi il programma di allenamento. Piuttosto che contare i tuoi passi come altre piattaforme M2E, Fight Out combinerà diverse metriche dei movimenti del tuo corpo, dagli esercizi a corpo libero ai pesi delle macchine, e ti ricompenserà con REPS.

Inoltre, utilizzando i sensori in-app e la tecnologia blockchain, Fight Out monitorerà l’attività in cui sei impegnato, il suo livello di difficoltà e la sua durata, in modo da farti guadagnare REPS, che possono essere utilizzati per acquistare attrezzatura da allenamento e abbigliamento fitness. 

Il token di utilità principale della piattaforma è FGHT, da utilizzare anche per accedere agli NFT e al metaverso di Fight Out: qui l’utente può creare un suo avatar che progredirà nel mondo virtuale man mano che l’utente reale avanza nel suo programma di allenamento. FGHT è una crypto appena uscita da monitorare con attenzione nel 2023.

Non puoi però vendere il tuo avatar, ma puoi migliorarlo con elementi come capelli, tatuaggi, abbigliamento e altre modifiche del corpo. Questo avatar creato rispecchierà il tuo reale profilo di allenamento, mostrando quindi quanto sei in forma rispetto ad altri giocatori.

RobotEra

Meta continuerà a investire
Meta continuerà a investire

RobotEra è un nuovo progetto che si occupa di metaverso in stile The Sandbox: i giocatori devono controllare un robot, ricostruire un pianeta distrutto, estrarre risorse, gestire terreni e svolgere una serie di altre attività. I mondi possono essere realizzati con l’aiuto di robot su un lotto di terra in formato NFT. RobotEra fornisce anche un multiverso condiviso, in cui chiunque può accedere a parchi a tema, concerti, musei e altro ancora.

Ecco quali sono le funzionalità di gioco messe a disposizione.

Creazione di appezzamenti di terreno

La caratteristica di gioco principale è la creazione di terreni, per i quali si utilizzano degli editor. Questo strumento può essere sfruttato dai giocatori per creare edifici e altri tipi di infrastrutture.

Amministrazione DAO

Simile a The Sandbox, RobotEra ha anche una DAO in cui i giocatori possono riunirsi, mettendo in stake i loro token TARO: l’utente che mette in stake il maggior numero di token diventa il manager e ha voce in capitolo nello sviluppo futuro dell’ecosistema. La decisione del manager deve però allinearsi con la maggioranza dei membri della comunità.

Meccanica Play-to-Earn

L’esclusiva meccanica Play-to-Earn di RobotEra si basa su quattro attività: estrazione di risorse, esplorazione, battaglia e creazione. I premi consistono in token TARO, che possono anche essere venduti sugli exchange per trarne un profitto.

Ecco un elenco completo delle opportunità di guadagno su RobotEra:

Trading di NFT

I giocatori che possiedono il proprio appezzamento di terreno possono creare NFT nel loro mondo virtuale e venderli. Questi includono terra, componenti di robot, robot compagni, opere d’arte e altro ancora.

Staking del token TARO

I giocatori possono mettere in stake i token TARO per generare un reddito passivo.

Vantaggi da eventi

I brand che possiedono un proprio robot possono organizzare eventi nei continenti indipendenti di TARO.

Estrazione ed esplorazione

Ogni appezzamento di terreno all’interno di RobotEra è ricco di risorse, per cui è possibile estrarre materiali grezzi per creare gli NFT. I giocatori possono anche guadagnare esplorando le terre.

Operazioni di mercato

Tutte le risorse estratte o create dai giocatori possono essere scambiate nel marketplace del gioco.

I.P.