La SEC ha richiesto che una società di criptovalute paghi 35 milioni di dollari agli investitori interessati, secondo la celebrità Ian Balina

Lunedì scorso la Securities and Exchange Commission (SEC) ha pubblicato un avviso di cessazione dell’attività nei confronti di Sparkster Ltd. e del suo CEO, Sajjad Daya, per “l’offerta e la vendita illegale di strumenti patrimoniali in criptovaluta da aprile 2018 a luglio 2018”.

Secondo la SEC, Sparkster e Daya hanno raccolto 30 milioni di dollari da 4.000 individui negli Stati Uniti e in tutto il mondo “vendendo e offrendo strumenti di criptovaluta noti come token SPRK” per finanziare lo sviluppo del sistema software di Sparkster.

Hanno promesso agli azionisti che il valore delle monete SPRK sarebbe aumentato e che i token sarebbero stati offerti su una piattaforma di scambio di criptovalute.

Sparkster ha accettato in un accordo con la SEC di eliminare i suoi rimanenti token di criptovaluta, di chiedere che i suoi token siano rimossi dai sistemi di scambio e di pubblicare la decisione della SEC sui suoi social media e sulle sue piattaforme web. Daya ha deciso di non partecipare ai servizi di compravendita di criptovalute per i prossimi cinque anni.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Secondo la SEC, Sparkster e Daya si sono accordate e hanno depositato oltre 35 milioni di dollari in un fondo da erogare agli azionisti danneggiati.

Da maggio a luglio 2018 circa, Balina ha acquistato 5 milioni di dollari in monete di criptovaluta SPRK e le ha commercializzate su Telegram, YouTube e altri siti di social networking, secondo la SEC. L’autorità di vigilanza ha proseguito affermando che Balina avrebbe trascurato di rivelare che Sparkster gli aveva promesso di offrirgli una ricompensa del 30% sulle monete acquistate in cambio del suo materiale di marketing.

Secondo l’autorità di vigilanza, la celebrità delle criptovalute avrebbe anche organizzato un pool di investimento di almeno 50 persone a cui ha fornito e venduto le monete non autorizzate.

La SEC ha accusato Balina di aver violato le restrizioni sulle licenze di vendita previste dal Securities Act e “chiede rimedi ingiuntivi, la confisca più gli interessi anticipati e ammende civili”.