La Reserve Bank of India ha avviato un programma pilota di valuta digitale con quattro banche

Moneycontrol ha dichiarato lunedì che la Reserve Bank of India (RBI), la banca centrale del Paese, avrebbe chiesto a quattro banche pubbliche di sperimentare la CBDC indiana, secondo quanto affermato da due dirigenti anonimi della banca.

Secondo una delle fonti, la RBI ha chiesto alla Punjab National Bank, alla Bank of Baroda, alla State Bank of India e alla Union Bank of India di condurre il progetto pilota internamente.

Un altro alto dirigente di una banca governativa ha dichiarato ai media che esiste un pilota CBDC. Ha detto che la RBI potrebbe lanciare il prodotto quest’anno. Resta da stabilire quando saranno resi noti i prodotti e le specifiche.

Secondo quanto riportato, la RBI si sta impegnando anche con molte fintech sulla rupia virtuale. FIS, un’organizzazione con sede negli Stati Uniti, è una di queste. Ha fornito consulenza alle banche centrali su questioni relative ai CBDC, come i pagamenti offline e adattabili, l’accesso ai servizi finanziari e le transazioni CBDC globali.

Secondo Julia Demidova, top director di FIS, che ha parlato con la fonte di notizie la scorsa settimana, FIS ha avuto diverse interazioni con la RBI e il loro ambiente collegato potrebbe essere esteso alla RBI per sperimentare numerose soluzioni CBDC.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Ha detto che se si tratta di un commercio CBDC al dettaglio o all’ingrosso, la nostra tecnologia può essere applicata alle istituzioni finanziarie, consentendo loro di analizzare e tokenizzare la valuta della banca centrale sotto forma di denaro virtuale controllato.

Nirmala Sitharaman, ministro delle finanze indiano, ha indicato durante la presentazione del bilancio governativo 2022 a febbraio che la RBI rilascerà un CBDC in questo anno fiscale. A maggio la banca centrale ha dichiarato che avrebbe introdotto la rupia virtuale in modo “graduale”.

Il premier indiano Narendra Modi ha dichiarato che la rupia virtuale sarà l’equivalente virtuale della nostra rupia reale e sarà governata dalla Reserve Bank of India. Questo meccanismo consentirà di scambiare valuta tangibile con denaro virtuale.

Nel frattempo, la RBI sta spingendo per una restrizione totale su tutte le criptovalute, compresi bitcoin ed ether. In precedenza, quest’anno, il vicegovernatore della RBI T. Rabi Sankar ha dichiarato che le criptovalute non hanno “alcun flusso di cassa sottostante” e “nessun valore effettivo”, aggiungendo che “sono analoghe alle operazioni Ponzi e possono essere gravi”. “Mettere fuori legge le criptovalute è probabilmente l’opzione più prudente a disposizione dell’India”, ha dichiarato il banchiere.