Indice del dollaro USA: Preoccupazioni sino-americane, indicazioni della Fed favoriscono i tori del DXY intorno a 106,50, si vedono i dati USA

I commenti hawkish della Fed e le controversie tra Stati Uniti e Cina sostengono la domanda di valuta statunitense come bene rifugio.


La mancanza di una risposta ostile da parte di Pechino alla visita di Pelosi a Taiwan sembra aver domato i tori di recente.


L’ansia prima dell’ISM Services PMI e degli Ordini di Fabbrica degli Stati Uniti guida l’indice del dollaro USA.


Durante la sessione asiatica di mercoledì, l’indice del dollaro USA (DXY) ha proseguito la rimonta del giorno precedente dai minimi mensili ai massimi intraday a 106,50. Ciononostante, martedì l’indice del dollaro contro le sei principali valute è salito in tre settimane a causa dell’ansia geopolitica e dei commenti da falco della Fed.


Il presidente della Federal Reserve Bank di St. Louis, James Bullard, si è unito alla schiera di oratori falsi della Fed e ha ribadito il suo sostegno alle azioni aggressive della Fed, favorendo i tori del DXY negli ultimi tempi. “Sia la Federal Reserve che la Banca Centrale Europea potrebbero essere in grado di condurre un atterraggio relativamente delicato, evitando così una massiccia recessione per il loro contributo economico, mentre aumentano i tassi di interesse per contenere l’inflazione”, ha detto il policymaker.


In precedenza, come riportato da Reuters, la presidente della Federal Reserve Bank di San Francisco, Mary Daly, ha dichiarato di essere in attesa dei dati in arrivo per stabilire se rallentare o meno l’aumento dei tassi o mantenere il ritmo attuale. La Reuters ha riferito che il presidente della Fed di Chicago, Charles Evans, si è detto favorevole a un aumento dei tassi di 50 punti base (bps) nella riunione di settembre se i prezzi non dovessero migliorare. Inoltre, Loretta Mester, presidente della Fed di Cleveland, ha dichiarato di non credere che gli Stati Uniti stiano vivendo una recessione e che il mercato del lavoro sia in ottime condizioni. Ha riconosciuto che l’inflazione non è scesa “affatto”.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro>>>subito per te 100mila euro per fare pratica nel forex trading


Va sottolineato che gli attriti geopolitici tra Stati Uniti e Cina, in particolare su Taiwan, aumentano il fascino del dollaro come bene rifugio. Per quanto riguarda i timori di recessione, si teme che l’escalation delle tensioni tra le due principali economie mondiali possa avere effetti più dannosi sull’economia globale. La Reuters ha dichiarato: “La presidente della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, è atterrata a Taiwan martedì scorso per un tour che, a suo dire, dimostra la duratura dedizione americana all’isola autoproclamata dalla Cina”. Tuttavia, la Cina ha criticato la visita come un pericolo per la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan.


Oltre al problema di Taiwan, la discussione sulle possibili restrizioni alle esportazioni statunitensi di apparecchiature per la produzione di chip in Cina ha esacerbato ulteriormente le tensioni sino-americane. In particolare, le autorità di Pechino non si sono fidate del prodotto interno lordo (PIL) di quest’anno, che ha sostenuto i tori del DXY.


A seguito di queste scommesse, i benchmark di Wall Street hanno chiuso in rosso per il secondo giorno consecutivo di contrattazioni, mentre i futures sull’S&P 500 hanno registrato perdite modeste al momento della stampa. Tuttavia, va notato che i rendimenti dei Treasury decennali statunitensi hanno arrestato la rimonta del giorno precedente dai minimi di quattro mesi e hanno messo in discussione l’ascesa dell’indice del dollaro USA.


In vista degli ordini di fabbrica statunitensi di giugno e dell’ISM Services PMI di luglio, le notizie sulla Cina e sulla Federal Reserve potrebbero influenzare il DXY.


Valutazione tecnica


L’indice del dollaro USA testa una linea di resistenza discendente di tre settimane fa intorno a 106,45; una violazione di questo livello potrebbe spingere gli acquirenti verso la barriera della media mobile a 21 giorni (DMA) vicino a 107,00. Il livello della media mobile a 50 giorni a 105,10 limita la caduta a breve termine del DXY.