In vista della riunione dell’OPEC+, i prezzi del petrolio sono aumentati di oltre 1 dollaro al barile

Mentre gli investitori anticipano le potenziali azioni dei membri dell’OPEC+ per ridurre la produzione e aumentare i prezzi in una conferenza che si terrà più tardi nella giornata, i prezzi del petrolio sono aumentati di oltre 1 dollaro al barile lunedì, continuando a guadagnare.

Dopo l’aumento dello 0,7% di venerdì, i futures del Brent sono aumentati di $1,88, o del 2%, raggiungendo $94,90 al barile alle 03:45 GMT. Il petrolio statunitense West Texas Intermediate è stato scambiato a $88,60 al barile, con un aumento di $1,73 o del 2% rispetto alla sessione precedente, quando era salito dello 0,3%.

A causa di una festività, i mercati americani sono chiusi lunedì.

L’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC) e i suoi alleati, noti collettivamente come OPEC+, potrebbero votare per mantenere gli attuali tassi di produzione o eventualmente ridurre la produzione per sostenere i prezzi, nonostante le scorte rimangano limitate, durante la loro conferenza di lunedì.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis

Il Wall Street Journal di domenica, citando persone senza nome che hanno familiarità con la situazione, ha riferito che la Russia, il secondo produttore di petrolio al mondo e un importante membro dell’OPEC+, non approva una riduzione della produzione. Di conseguenza, il gruppo probabilmente manterrà la produzione quando si riunirà lunedì.

Sebbene sia possibile una riduzione della produzione, secondo Teng della CMC ci sono ancora possibilità negative. In particolare, ha citato le prospettive di esportazione dall’Iran, viste le continue discussioni sull’accordo nucleare, e le preoccupazioni per la recessione.

Dopo aver raggiunto i massimi pluriennali a marzo, i prezzi del petrolio sono scesi negli ultimi tre mesi a causa delle preoccupazioni che gli aumenti dei tassi di interesse e le restrizioni COVID-19 in alcune aree della Cina, il più grande importatore mondiale di petrolio, possano soffocare la crescita economica mondiale e diminuire il consumo di petrolio.

Un giorno dopo che l’Iran ha rilanciato la questione, la Casa Bianca si è opposta ad associare l’accordo alla conclusione delle indagini dell’osservatorio nucleare delle Nazioni Unite, secondo quanto dichiarato da un diplomatico occidentale.