“I ritardi nei progetti sono fortemente influenzati dai severi requisiti di autorizzazione”, afferma la brasiliana Vale

L’azienda brasiliana Vale ritiene che la lentezza e i rigidi requisiti normativi abbiano causato una riduzione della sua produzione. L’azienda afferma che le sue previsioni di produzione di ferro per il 2022 sono passate da 320 milioni di tonnellate a 335 milioni di tonnellate.


In una seduta con gli analisti di mercato, Marcello Spinelli, responsabile dei metalli ferrosi di Vale, ha espresso il suo punto di vista dicendo: “È piuttosto difficile capire perché i processi di autorizzazione ambientale siano diventati così rigidi nel mondo, e in Brasile, nello specifico”.


Il crollo della diga di Brumadinho, il progetto di Vale, ha causato più di 250 vittime e gravi danni ai fiumi, alle foreste e alle comunità residenti nella regione. Questo crollo è stato solo il risultato di regolamenti rigidi e difficili da seguire. Nonostante ciò, Vale lotta sempre per aumentare la propria produzione.
“Le stesse rigide norme vengono applicate a Carajas, il più grande progetto minerario situato in Amazzonia”, ha detto Marcello.


Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading sull’oro>>>è gratis


La buona notizia comunicata da Spinelli è l’approvazione della licenza per il progetto Serra Sul 120 della società. Egli ritiene che questo progetto aumenterà la produzione di Vale di 20 milioni di tonnellate all’anno.


Il dirigente ha anche affermato che il progetto Gelado, da 10 milioni di tonnellate all’anno, otterrà il via libera per iniziare la produzione nel quarto trimestre. Le azioni Vale sono scese fino al 3,4%, ma hanno ridotto le perdite e hanno chiuso in calo dell’1,3%. L’indice azionario brasiliano Bovespa è salito dello 0,55%.

“Il tono generale è stato positivo, il secondo trimestre è stato probabilmente il minimo dell’anno per Vale e molto è in arrivo dal punto di vista operativo”, ha detto JPMorgan, prevedendo “buone notizie” sulle licenze a settembre.