I 5 eventi principali: riunione della RBA, rapporto sull’occupazione in Nuova Zelanda, riunione della BOE, rapporto sull’occupazione in Canada e non-farm payroll negli Stati Uniti

Dopo l’offerta incentrata sugli Stati Uniti della scorsa settimana, l’inizio di agosto è caratterizzato da un piano economico solitamente intenso e incentrato su tutto il mondo.
I tassi di interesse saranno probabilmente aumentati di 50 punti base questa settimana dalla RBA e dalla Banca d’Inghilterra.
I dati sull’occupazione in Nuova Zelanda, Canada e Stati Uniti suggeriscono che le banche centrali hanno ancora spazio per aumentare i tassi di interesse.

La decisione della Reserve Bank of Australia sull’AUD
Con l’inattesa conclusione del programma di gestione della curva dei rendimenti e l’aumento dei tassi di 25 punti base a maggio, la Reserve Bank of Australia ha perso fiducia. La RBA deve fare di più per riconquistare la sua reputazione di banca centrale leader a livello mondiale. Almeno un governatore della RBA, Philip Lowe, non usa mezzi termini quando si tratta di questo argomento, definendo i recenti tentativi “imbarazzanti”. Guardando tra le righe, la RBA sarà molto più attiva nei prossimi mesi per recuperare la fiducia dei mercati. In altre parole, un aumento di 50 punti percentuali del tasso principale della RBA sarebbe supportato da una forward guidance inequivocabile che segnala l’arrivo di ulteriori aumenti dei tassi, il che è una buona notizia per il dollaro australiano.

Tasso di disoccupazione e variazione dell’occupazione in dollari neozelandesi (2° trimestre)
Il 2022 ha visto alcuni scossoni sulla strada, ma l’inflazione è ancora intorno ai massimi di molti decenni e il settore del lavoro è ancora una luce brillante nel panorama economico della Nuova Zelanda. Nel secondo trimestre di quest’anno, il tasso di disoccupazione neozelandese è sceso al 3,1% dal 3,2%, un nuovo minimo pluridecennale, secondo un sondaggio di Bloomberg News. Sebbene la Reserve Bank of New Zealand preveda ancora di alzare i tassi di interesse ad ogni riunione del 2022, le aspettative sono diminuite nel 2023 a causa dei nuovi dati.

Sterlina britannica Determinazione dei tassi della Banca d’Inghilterra
Secondo un sondaggio di Bloomberg News, la Banca d’Inghilterra prevede di aumentare i tassi di interesse di 50 punti base questa settimana, portando il tasso principale all’1,75%. Potrebbe non essere sufficiente a mantenere la sterlina più forte, come è successo con la Federal Reserve la scorsa settimana. L’attenzione si concentra invece sulla forward guidance della BOE, che delinea il numero di aumenti dei tassi a venire. Di conseguenza, un aumento di 50 punti percentuali dei tassi di interesse potrebbe rivelarsi deludente, in quanto i rendimenti dei Gilt britannici potrebbero diminuire così come la sterlina dopo la mossa, data la formulazione cauta della BOE in passato, che si è concentrata sul bilanciamento delle preoccupazioni per la crescita e l’inflazione.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro>>>subito per te 100mila euro per fare pratica nel forex trading

Fatturato e tasso di disoccupazione in Canada (CAD) (LUG)
Bloomberg News riporta che l’economia canadese ha creato +20.000 posti di lavoro a luglio dopo aver perso -43,2.000 posizioni a giugno. Tuttavia, dato che il tasso di disoccupazione è previsto in crescita dal 4,9% al 5%, l’aumento dell’occupazione potrebbe non essere sufficiente a tenere il passo con le persone che entrano nel mercato del lavoro. Nonostante le statistiche contrastanti, la Banca del Canada non cambierà la sua posizione sull’aumento dei tassi d’interesse, che ha già dichiarato di voler fare non appena l’inflazione inizierà a salire. Dato l’atteggiamento della BOC, i dati negativi sull’occupazione canadese potrebbero essere problematici per il dollaro canadese.

Tasso di disoccupazione e dati sui libri non agricoli nel dollaro USA (LUG)
L’economia statunitense potrebbe essere o meno in recessione, ma il mercato del lavoro è stato finora solido. Secondo un sondaggio di Bloomberg News, il tasso di disoccupazione statunitense (U3) è rimasto al 3,6% a luglio, in aumento rispetto ai +372 mila posti di lavoro creati a giugno. Il salario orario medio negli Stati Uniti, pari al +4,9% annuo, è previsto in aumento rispetto al +5,1% annuo, mentre il tasso di coinvolgimento degli Stati Uniti sale al 62,3%.

Affinché il mercato del lavoro statunitense torni al livello pre-pandemico del 3,5% di disoccupazione (U3) e del 63,4% di tasso di partecipazione al lavoro, il calcolo della crescita dei posti di lavoro della Fed di Atlanta stima che l’economia statunitense avrà bisogno di +320.000 nuovi posti di lavoro al mese nei prossimi 12 mesi.

Gli asset di rischio potrebbero soffrire se il processo di definizione delle politiche della Federal Reserve causerà una “buona notizia è una cattiva notizia”. Tuttavia, per il dollaro USA vale il contrario: un forte rapporto di ricerca sul mercato del lavoro statunitense potrebbe contribuire a rilanciare le probabilità di rialzo dei tassi della Fed, mentre un rapporto debole sul mercato del lavoro statunitense potrebbe spingere le probabilità di taglio dei tassi fino al 2023, danneggiando la posizione del dollaro USA.