Dopo il calo dei prezzi, la brasiliana Vale decide di tagliare le stime della produzione del ferro

Una delle più grande aziende minerarie ha abbassato le previsioni di produzione del ferro, inizialmente inserite in un range di 320-335 milioni di tonnellate (Mt).

A causa dei vincoli della catena di approvvigionamento nel suo sistema settentrionale, della vendita di attività dal suo sistema centro-occidentale e dell’impatto dei prezzi di mercato più bassi, martedì il minatore brasiliano Vale SA ha ridotto la sua proiezione per la produzione di minerale di ferro nel 2022.
Il calo è in gran parte attribuibile all’accordo di aprile di Vale per vendere le sue attività di manganese e minerale di ferro nel Brasile centrale alla holding J&F Investimentos per un valore aziendale stimato di 1,2 miliardi di dollari.
Ilan Arbetman, analista di Ativa Investimentos, ha affermato che Vale “ha avuto un trimestre con dati che generalmente hanno fallito le nostre previsioni”. Ha aggiunto che la maggior parte del negativo si è già riflesso nelle azioni Vale, che sono scese di quasi il 20% dall’inizio di giugno.
In una lettera agli investitori, Citi ha dichiarato: “Prevediamo che le azioni di Vale domani sottoperformeranno: il mercato è pronto per utili negativi ma forse non così debole nei metalli di base”.
Il taglio, tuttavia, ha aggiunto il minatore, è stato anche “per consentire una maggiore flessibilità nella nostra produzione a causa delle attuali condizioni di mercato”, poiché i prezzi del minerale di ferro sono scesi dai massimi del 2021 a causa della possibilità di un calo della domanda dalla Cina, un consumatore chiave.
Stime sulla produzione di minerale di ferro, secondo gli analisti di Citi, le stime sulla produzione di minerale di ferro erano molto in linea con le previsioni di mercato. Allo stesso tempo, il settore dei metalli di base di Vale, che comprende nichel e rame, ha ottenuto risultati meno positivi.
A causa della manutenzione più lunga del previsto in uno dei suoi siti e dei lavori programmati separati in un altro, l’azienda ha ridotto le sue previsioni per la produzione di rame nel 2022 a 270.000-285.000 tonnellate. Le stime precedenti variavano tra 330.000 e 355.000 tonnellate.