Compass Mining, un intermediario che consente ai comuni commercianti di generare Bitcoin, chiuderà due dei suoi siti in Georgia a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia

Secondo Thomas Heller, co-CEO di Compass, il proprietario degli impianti li sta chiudendo a causa dell’aumento dei prezzi di oltre il 50% da parte di una società di servizi locali, un costo significativo associato al mining di bitcoin. In precedenza, il proprietario dell’attività ha informato l’azienda della notizia.

I clienti al dettaglio possono acquistare minuscole quantità di energia mineraria da Compass Mining in tutto il mondo, e nessuno dei servizi offerti sulla sua piattaforma è di sua proprietà. Whit Gibbs ha rassegnato le dimissioni da amministratore delegato a giugno e la nuova dirigenza ha ridotto i dipendenti del 15% a causa dei problemi dell’azienda dovuti a interruzioni, ritardi nell’installazione e attrezzature minerarie bloccate in Russia.

Secondo Heller, la sede in Georgia ospitava circa 5.000 macchine, o 15 M.W., per i clienti di Compass. Secondo il co-CEO, il provider ospita 8.000 dispositivi, o 25 M.W., in totale per Compass.

Come si legge in un’istantanea di un’e-mail ai consumatori caricata sui social network, i clienti possono scegliere di far spostare i loro computer in una sede in Texas. Questa procedura richiederà probabilmente circa un mese. Secondo Heller, Compass farà uno sforzo per ridurre il ritardo e fornirà ai clienti interessati dei crediti.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

L’istituto in Texas ha avuto i suoi problemi. A causa del ritardo nella connessione alla rete elettrica, per qualche tempo ha dovuto utilizzare dei generatori. Tuttavia, Heller ha affermato che questi non erano sempre in funzione a causa del calore e di altri fattori, che hanno causato l’indisponibilità degli impianti di estrazione. A causa della scarsa operatività del sito, Compass ha proposto di spostare i computer del Texas in Georgia a luglio.

Secondo Heller, dall’allacciamento alla rete del sito texano in agosto, l’affidabilità è stata “estremamente buona”. Si prevede che l’impianto consumerà più di 100 MW di elettricità, ma l’immagine mostra che la quota di Compass sarà di soli 25 M.W. entro la fine di settembre.

Fino a poco tempo fa, le infrastrutture della Georgia erano “estremamente forti”, poiché il proprietario era eccellente. Secondo Heller, Compass prevede che lo stesso avverrà per la sede in Texas, gestita dalla stessa azienda.