Un “ponte di grano” per l’Ucraina. Ecco la proposta delle ferrovie tedesche.

La Germania sta sviluppando un “ponte del grano” per facilitare le esportazioni alimentari ucraine. La Deutsche Bahn intende consegnare le esportazioni di grano ucraino in diversi porti tedeschi, tra cui Rostock, Amburgo e Brake.

L’attacco della Russia all’Ucraina, uno dei principali fornitori mondiali di grano, ha interrotto le spedizioni marittime dal Paese, mettendo a repentaglio la sicurezza alimentare di altre nazioni. Le mine ucraine e le navi russe hanno ostacolato la navigazione attraverso il Mar Nero.
Un rappresentante della Deutsche Bahn ha affermato che la sua rete, originariamente istituita per fornire beni di prima necessità, sarebbe ora utilizzata per trasportare “tutto il grano necessario” ai porti marittimi tramite un treno merci.
Diversi treni viaggeranno attraverso la Romania, che può trasportare prodotti agricoli e un lungo confine con l’Ucraina.
Il capo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite in tutta la Germania ha avvertito che miliardi di tonnellate di grano sono bloccate in Ucraina a causa dell’attività militare russa contro i porti marittimi del paese.
Secondo Martin Frick, circa 4,5 milioni di tonnellate di container di grano immagazzinati nei porti ucraini non possono essere spostati a causa di canali marittimi pericolosi o occupati, alcuni dei quali erano porti minati e inaccessibili.
In quanto grande produttore di mais, l’Ucraina è tra i primi produttori di grano al mondo. Secondo le Nazioni Unite, nel 2020 produrrà circa 30 milioni di tonnellate di mais e 25 milioni di tonnellate di grano. Numerose nazioni del Nord Africa fanno affidamento sul poco costoso grano ucraino per il loro approvvigionamento alimentare essenziale.
Nonostante il numero di raccolti rimasti in Ucraina, questo stesso Programma alimentare mondiale (WFP) ha offerto assistenza alimentare a 2,5 milioni di ucraini dall’inizio dell’invasione il 24 febbraio, la maggior parte dei quali in Ucraina, anche diverse centinaia di milioni nella vicina Moldova.
Quelli bloccati e dovrebbe aiutare i bisognosi in tutta l’Ucraina. “Tuttavia, per alleviare una crisi alimentare mondiale, è necessario fornire ad altre regioni del mondo i beni che si aspettano dall’Ucraina”, ha affermato Frick.
I porti erano chiusi sia all’arrivo che alla partenza del carico, ha aggiunto. Ha anche espresso preoccupazione per il fatto che le scorte di cibo fossero utilizzate come un’arma durante la guerra.
Olaf Scholz, il cancelliere tedesco, ha reagito alla crisi alimentare offrendo l’assistenza della Germania nelle aree dove c’è carenza di cibo solo come conseguenza del conflitto ed esprimendo preoccupazione per la probabilità di una catastrofe alimentare mondiale.
“Questa guerra avrà ripercussioni globali”, ha dichiarato domenica in risposta ai manifestanti che lo hanno accusato di estendere il conflitto riversando armi nella nazione.
Il governo tedesco e DB Cargo, il braccio di trasporto di tali operatori ferroviari nazionali, hanno annunciato la scorsa settimana che sono in corso preparativi per consentire a 20 milioni di tonnellate di grano bloccato e altre merci di lasciare il paese in treno.
L’idea, nota come “Getreidebrücke” o ponte del grano, include la collaborazione tra le ferrovie ucraine e i fornitori di reti ferroviarie in Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Romania al fine di creare una rete di linee collegate in tutta Europa.
Michael Theurer, un assistente statale del parlamento presso il ministero dei trasporti, ha informato il quotidiano finanziario: “Stiamo attualmente lavorando su dettagli specifici su come potrebbe essere costruito il ponte del grano”. Theurer ha affermato che i ministeri delle finanze, dell’agricoltura, dell’economia o dello sviluppo avrebbero negoziato i punti critici del piano, che includevano come finanziare le misure ei problemi legali sulla neutralità competitiva.
Per aiutare gli agricoltori a piantare i semi delle colture estive, i treni che avrebbe inviato in Ucraina trasporterebbero anche trattori e componenti di ricambio per attrezzature agricole.
L’operazione sembra continuare il programma “ponte ferroviario per l’assistenza in caso di calamità” avviato da DB Cargo. Ogni treno può trasportare 52 container o molte migliaia di tonnellate di rifornimenti.