Rogoff, professore di Harvard: “Sulle crypto, le banche centrali non sono al passo con i tempi”

Lunedì, in una intervista con Bloomberg , l’economista americano Kenneth Rogoff ha valutato le legislazioni delle criptovalute e delle valute digitali nel complesso carenti.

Lunedì, in una intervista con Bloomberg , l’economista americano Kenneth Rogoff ha valutato le legislazioni delle criptovalute e delle valute digitali nel complesso carenti .

Dal 2001 al 2003, Rogoff è stato il principale economista del Fondo monetario internazionale (FMI).

In risposta al rilascio di un dollaro virtuale da parte degli Stati Uniti, Rogoff ha affermato che al momento, se pensi che l’America rilasci un CBDC, devi chiederti perché.

Ha affermato che possiamo ottenere molti degli stessi risultati nel sistema attuale apportando piccole modifiche.

Il professore ha chiarito che se la Federal Reserve “ha fatto troppo perfettamente” e ci fosse un “CBDC al dettaglio”, ci sarà un enorme decentramento a cui difficilmente saremo preparati.

Rogoff ritiene che le piccole banche centrali vorrebbero rilasciare CBDC nella speranza di attirare alcune delle aziende che fanno le criptovalute.

Rogoff è stato a lungo sospettoso di bitcoin. In precedenza ha affermato che i governi e le banche non permetteranno mai a Bitcoin di entrare in prima linea.

Nel 2018, ha previsto che la criptovaluta sarebbe arrivata a 100 dollari anziché 100.000 in dieci anni.

Afferma che una volta rimossa la prospettiva del racket e dell’elusione fiscale, il suo effettivo utilizzo come veicolo di pagamento è molto limitato