Previsioni sul prezzo dell’oro: XAU/USD recupera da $1.755 grazie alla diminuzione dell’avversione al rischio ispirata da Fed e Cina USA

Il prezzo dell’oro guadagna offerte per invertire la ritirata di ieri dai massimi mensili.


Le statistiche positive della Cina e la mancanza di grandi sviluppi legati a Taiwan sembrano sostenere gli investitori in oro.


Anche il mancato rafforzamento del dollaro statunitense sembra aver favorito il rimbalzo di XAU/USD.
I titoli relativi a Taiwan, al discorso della Fed e alle statistiche statunitensi daranno nuovo impulso.

Durante la sessione asiatica di mercoledì, il prezzo dell’oro (XAU/USD) ha riguadagnato il suo massimo intraday al di sopra di 1.765 dollari, consolidando il maggior calo giornaliero in due settimane. In questo modo, il metallo giallo plaude alla ritirata del dollaro americano dai suoi massimi settimanali durante una sessione asiatica poco brillante. Le fasi di recupero tengono conto anche delle statistiche più robuste sull’attività della Cina.

L’indice del dollaro statunitense (DXY) scende dai massimi settimanali intorno a 106,55 a 106,34, in quanto l’avversione al rischio del mercato diminuisce in risposta al rafforzamento del PMI dei servizi cinesi Caixin di luglio. Di conseguenza, l’indice dei servizi privati del paese del dragone è salito al 55,5% dal 48 previsto e dal 54,5 precedente.

Nel corso della giornata, i futures sullo S&P 500 sono aumentati dello 0,10%, mentre i tassi del Tesoro americano a 10 anni sono scesi di 1,5 punti base (bps) al 2,72%.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro>>>subito per te 100mila euro per fare pratica nel forex trading

In precedenza, la disputa tra Stati Uniti e Cina su Taiwan ha attirato una notevole attenzione e ha prolungato il sentimento di avversione al rischio del giorno precedente, influenzando i prezzi dell’oro. Recentemente, il Ministero della Difesa di Taiwan ha dichiarato che le esercitazioni della Cina intorno a Taiwan riflettono la volontà del Paese di minare la stabilità della regione. Va sottolineato che l’avvertimento della Cina agli Stati Uniti di non giocare la carta di Taiwan, l’impegno a punire i sostenitori dell’indipendenza di Taipei e la limitazione delle spedizioni di sabbia naturale verso l’economia asiatica sembrano aver amplificato il sentimento di avversione al rischio e affossato il dollaro statunitense.

James Bullard ha respinto le preoccupazioni di una recessione statunitense, sostenendo un aumento dei tassi di 50 punti base (bps). Secondo la Reuters, Mary Daly ha dichiarato di essere in attesa dei dati in arrivo per stabilire se la Fed debba rallentare l’aumento dei tassi o mantenere il ritmo attuale. La Reuters ha riferito che il presidente della Fed di Chicago Charles Evans si è detto favorevole a un aumento dei tassi di 50 punti base (bps) nella riunione di settembre se l’inflazione non dovesse migliorare. Inoltre, Loretta Mester, presidente della Fed di Cleveland, ha dichiarato di non credere che gli Stati Uniti stiano vivendo una recessione e che il mercato del lavoro sia in ottime condizioni. Ha riconosciuto che l’inflazione non è scesa “affatto”.

Gli ordini di fabbrica statunitensi di giugno e il PMI dei servizi ISM di luglio si uniranno alle notizie sulla Cina e sulla Federal Reserve per influenzare i movimenti a breve termine di XAU/USD.


Valutazione tecnica


Il prezzo dell’oro inverte la direzione dal ritracciamento di Fibonacci del 23,6% del declino di aprile-luglio sulla scia di segnali MACD e RSI positivi (14). Tuttavia, per far piacere agli acquirenti, lo slancio verso l’alto deve essere confermato dai livelli di supporto di 3,5 mesi fa intorno a 1.770 dollari.

Tuttavia, una zona di supporto orizzontale di 11 settimane e la media mobile semplice (SMA) a 50 giorni a 1.785 e 1.791 dollari potrebbero minacciare l’ascesa dello XAU. USD

Al contrario, una rottura dell’immediato supporto di Fibonacci a circa 1.755 dollari potrebbe inviare i prezzi dell’oro verso una linea di supporto vecchia di due settimane, vicina a 1.747 dollari.

In seguito, il livello della media mobile a 21 giorni a 1.732 dollari potrebbe fungere da stop durante il previsto declino che punta al minimo annuale vicino a 1.680 dollari.