Mercati da tenere d’occhio questa settimana: Nasdaq 100, S&P 500, valuta statunitense, oro, Fed, PMI cinese, stress

L’indice VIX, talvolta noto come “indicatore della paura”, ha raggiunto il livello più alto da luglio, segnalando un ritorno della volatilità sui mercati globali. L’aumento della scorsa settimana, pari al 17,26%, è stato il più alto incremento settimanale da giugno. Il Nasdaq 100, pesantemente appesantito dalla tecnologia, è sceso del 4,26%, il calo maggiore da giugno. Il risultato è che i futures dell’S&P 500 e del Dow Jones sono scesi rispettivamente del 3,5% e del 3,12%.

Non è stato possibile trovare notizie migliori in Europa, dove il DAX 40 e il FTSE 100 sono scesi del 4,23 e dell’1,63%. La scorsa settimana, l’indice dei futures Nikkei 225 in Asia/Pacifico è sceso dell’1,91%. Qual è stato il catalizzatore di queste oscillazioni selvagge del prezzo? La Federal Reserve ha avuto un ruolo significativo.

Per tutto il mese di giugno e luglio, gli investitori hanno ipotizzato un cambiamento della politica della Federal Reserve per il 2019. Queste speranze sono state deluse ancora una volta la settimana scorsa, in occasione del simposio economico annuale di Jackson Hole, quando è intervenuto il presidente Jerome Powell. Abbiamo già calcolato la maggior parte dei tagli dei tassi previsti per il 2023 e l’inasprimento quantitativo è iniziato.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro>>>subito per te 100mila euro per fare pratica nel forex trading

Ciò ha portato a un aumento del valore del dollaro statunitense la scorsa settimana. Il dollaro neozelandese, la sterlina britannica e l’euro sono stati tra le valute che hanno registrato le performance peggiori. Con il rafforzamento del dollaro e l’aumento dei tassi sui titoli del Tesoro americano, il valore dell’oro e di altre valute considerate alternative al dollaro è diminuito. I prezzi del greggio sono andati meglio, chiudendo la settimana con una nota più forte. Ciò potrebbe essere dovuto all’aumento delle scommesse sulla possibilità che l’OPEC+ limiti l’offerta in risposta al calo dei prezzi.

I dati sulle buste paga non agricole di agosto degli Stati Uniti saranno al centro dell’attenzione la prossima settimana. C’è il rischio di volatilità del mercato se la Federal Reserve scommette su una politica restrittiva a causa delle indicazioni che il mercato del lavoro nella più grande economia del mondo rimane rigido. Se volete sapere come si stanno delineando i problemi di crescita della seconda economia mondiale, non andate oltre il PMI manifatturiero cinese. Si attendono i dati sull’inflazione dell’Eurozona e della Germania. Cos’altro possiamo aspettarci di vedere sui mercati la prossima settimana?