L’utile di AngloGold per il primo semestre è stato ridotto a causa dell’aumento dei costi

AngloGold, uno dei principali produttori di oro con sede in Sudafrica, ha aumentato la sua produzione annuale a 1,23 milioni di once, pari a circa il 3% per il primo semestre. Ciò dimostra che il minatore è sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo di produzione annuale del 2022 da 2,5 a 2,8 milioni di once.


L’amministratore delegato di AngloGold, Alberto Calderon, ha dichiarato che le azioni della società sono salite al 2% dopo la riduzione dei costi e l’innalzamento degli utili per il primo semestre al di sopra delle previsioni annuali.


Tuttavia, secondo le notizie, una parte importante della misura degli utili del minatore sudafricano è scesa al 18% l’anno scorso con 71 centesimi di dollaro. Quando l’inflazione era al suo picco nella regione, i costi totali in contanti erano calcolati al 6% per 1.068 dollari l’oncia.


Alberto ha espresso la sua felicità per il fatto che l’aumento dell’inflazione sia stato limitato. “Molti dei nostri concorrenti hanno avuto problemi con i costi, ma noi siamo felici di essere riusciti a gestirli in modo eccellente”, ha dichiarato l’amministratore delegato Calderon.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis


L’amministratore delegato di AngloGold ha inoltre dichiarato che la sua azienda cercherà di diminuire i costi in contanti, compresi tra 925 e 1.015 dollari per oncia, per la seconda metà dell’anno, nell’ambito degli obiettivi dell’azienda in materia di costi in contanti.


Solo AngloGold è salita di livello. Anche Newmont Corp, un altro grande nome dell’industria mineraria mondiale, ha alzato le sue previsioni sui costi annuali la scorsa settimana, e la società ha dichiarato che l’inflazione rimarrà almeno fino al prossimo anno, per questo ha deciso di ridurre le proprie azioni solo al 12%.


Il debito netto della società è sceso a 740 milioni di dollari, con un tasso annuo del 13%. Nei primi sei mesi dell’anno l’azienda ha ricevuto un flusso di cassa gratuito di circa 471 milioni di dollari e un deflusso di 25 milioni di dollari.