Le ultime notizie sui cambi dall’Asia e dal Pacifico

Le ultime notizie sui cambi dall’Asia e dal Pacifico, come riportato da ForexLive: Il dollaro USA sta leggermente aumentando il suo valore. In questo periodo, USD/JPY è stata l’unica coppia con un movimento significativo. Il trading è iniziato al di sotto di 133,00 e ha raggiunto i massimi di 133,50 per l’USD/JPY.

Kishida, il primo ministro del Giappone, ha in programma di convocare una conferenza per discutere della rapida crescita dei costi e dei salari del Paese, ma questa è l’unica notizia di un certo rilievo. Il suo dipartimento è responsabile della politica monetaria. Tutto ciò che abbiamo sentito pubblicamente da Kishida e dalla sua amministrazione suggerisce il sostegno alla BOJ per continuare a fare proprio questo, che la BOJ ha cercato di alimentare per oltre un decennio. La riunione è fissata per il 15 agosto, quindi restate sintonizzati.

Il dollaro statunitense è in genere in rialzo rispetto alle altre principali valute mondiali. In questa sessione, l’euro, la sterlina e il dollaro australiano sono scesi rispetto al dollaro USA. Il dollaro neozelandese e il dollaro canadese hanno mantenuto il loro valore. Sono stati fatti solo piccoli aggiustamenti.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro>>>subito per te 100mila euro per fare pratica nel forex trading

Bloomberg TV ha recentemente parlato con Mary Daly, presidente e amministratore delegato della filiale di San Francisco della Federal Reserve Bank. Daly ha fornito una lunga spiegazione. La sua aspettativa per il rialzo dei tassi del Federal Open Market Committee (FOMC) alla prossima riunione è di +50 pb, ma è disposta a spingersi fino a +75 se le prove lo giustificano.

Ha inoltre dichiarato che i tassi di interesse continueranno a salire per il resto dell’anno e fino al 2023. Un discorso da falco sarebbe il termine più sicuro per descrivere la presentazione. I riflettori erano puntati sulla politica internazionale. Il Washington Post ha riportato lunedì che l’FBI ha perquisito la villa in Florida dell’ex presidente Donald Trump per individuare materiali riservati legati alle armi nucleari.

Il WaPo ha fatto riferimento a fonti anonime. Dovremmo scoprirlo a breve, dato che ai tribunali statunitensi è stato ordinato di rendere pubblici i mandati di perquisizione e di fornire un inventario dettagliato dei materiali sequestrati.