La sterlina è tesa e la Boe non ha fatto molto per calmare i timori degli investitori. Quando salirà il Gbp/Usd?

La differenza tra le politiche fiscali e monetarie continua a minare il valore della sterlina britannica. A peggiorare le cose, la Banca d’Inghilterra (BoE) ha smentito nel suo comunicato le voci di mercato di un imminente intervento.


Da venerdì, quando il Cancelliere dello Scacchiere britannico Kwasi Kwarteng ha presentato le proposte del governo per ridurre le tasse e allentare le normative, la sterlina è stata sotto pressione.


Nel fine settimana ha aggiunto ulteriori dettagli, affermando che avrebbe utilizzato il finanziamento del debito per pagare i piani. Il rapporto tra il debito britannico e il PIL è pericolosamente vicino al 100%. L’OCSE sostiene che il Regno Unito è già tra le nazioni meno regolamentate.


I mercati hanno espresso preoccupazioni sulla capacità del governo britannico di finanziare il proprio debito senza incorrere in un sostanziale premio di rischio in risposta all’introduzione di questi tagli fiscali. Per coprire questo premio potrebbe essere necessario un deprezzamento della valuta, un aumento dei tassi di interesse o entrambi.


La Banca d’Inghilterra (BoE) sta cercando di contenere l’inflazione alle stelle attraverso un inasprimento della politica monetaria, ma questo allentamento della politica fiscale nuota contro questo obiettivo. L’allentamento della politica fiscale in questo momento è in netto contrasto con la norma delle altre economie sviluppate, dove i consumatori devono ripagare i crescenti livelli di debito.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro>>>subito per te 100mila euro per fare pratica nel forex trading


In una dichiarazione rilasciata ieri, il governatore della BoE Andrew Bailey ha spento le voci di un imminente aumento dei tassi di interesse o di un intervento sui cambi. Considerato il sostanziale riprezzamento delle attività finanziarie, la Banca segue con attenzione gli sviluppi del mercato, ha dichiarato.


Un tono simile è stato utilizzato dalla Banca del Giappone (BoJ) quando il tasso di cambio USD/JPY si è avvicinato a 145. Una settimana dopo, la BoJ è intervenuta con un’operazione di cambio. Una settimana dopo, la Banca è intervenuta fisicamente quando il tasso di cambio ha superato i 145 dollari.
I tassi britannici erano già in rialzo prima degli eventi pirotecnici di venerdì, e questi eventi hanno comunque stimolato un altro aumento dei rendimenti.


Secondo il mercato degli swap, un aumento dei tassi di circa 150 punti base è attualmente previsto per la prossima riunione della BoE. Dalla scorsa settimana, la curva dei rendimenti dei Gilt è aumentata di circa 100 punti base.


Le future fluttuazioni di GBP/USD sono possibili se il governo rimane fermo nella sua politica.