Il gas naturale statunitense sale del 3% dopo aver toccato un massimo di 14 anni in vista del rinnovo del contratto.

Secondo gli analisti di Gelber & Associates, “i fondamentali nelle due settimane precedenti avevano previsto prezzi più alti a causa del caldo estremo di luglio e delle conseguenti limitate infusioni di stoccaggio”, notando che il rialzo di martedì non era correlato al clima caldo.

I futures del gas naturale statunitense hanno raggiunto un massimo di 14 anni nella precedente sessione di martedì, grazie alle aspettative di un clima più caldo e di una maggiore domanda, alle preoccupazioni per i flussi russi verso l’Europa, ai prezzi record del carbone e all’imminente scadenza del contratto front-month. Martedì hanno raggiunto un massimo di sette settimane e poi hanno chiuso in rialzo di circa il 3%.

A causa delle temperature elevate, il Texas e altre aree hanno già registrato i massimi storici nel consumo di energia elettrica negli Stati Uniti quest’estate, con l’accensione dei condizionatori da parte di famiglie e aziende.

Prima di interrompere l’attività l’8 giugno, Freeport, il secondo più grande impianto di esportazione di GNL degli Stati Uniti, stava utilizzando circa 2 miliardi di piedi cubi di gas al giorno. Freeport LNG stima che il progetto riprenderà parzialmente le operazioni in ottobre. Secondo alcuni osservatori, l’interruzione potrebbe essere prolungata.

Il contratto è ora in procinto di aumentare del 66%, un record, nel mese di luglio. Nel settembre 2009 si è registrato l’aumento percentuale mensile più alto di sempre, pari al 63%.

A causa del recente pensionamento di centinaia di centrali elettriche a carbone e dei prezzi record del carburante, che hanno reso poco redditizio per molti operatori accendere alcune delle centrali a carbone rimaste, i fornitori di energia elettrica hanno consumato più gas del normale per mantenere in funzione i sistemi di raffreddamento.

La variabilità a 30 giorni direttamente adiacente nel mercato del gas ha raggiunto il livello più alto da marzo. A febbraio, la volatilità ha raggiunto un livello record. Il mese anteriore ha raggiunto 9,752 dollari per mmBtu nel primo pomeriggio, il livello di scambi intraday più alto dal 24 luglio 2008.

Nonostante l’aumento della produzione di gas a livelli quasi senza precedenti e il perdurare dell’interruzione dell’impianto di esportazione di GNL di Freeport in Texas, che ha lasciato negli Stati Uniti un eccesso di gas che le utility devono pompare nelle basse scorte, si è comunque verificato un balzo dei prezzi.