I tori della coppia EUR/USD toccano l’ostacolo di 1,0230 in vista degli importanti dati sull’inflazione UE/USA

I tori della coppia EUR/USD colpiscono per l’ottava volta la media mobile esponenziale (EMA) a 21 giorni, ma il MACD (Moving Average Convergence Divergence) e l’indice di forza relativa (RSI) prevedono un rafforzamento dello slancio verso l’alto.


Le linee di downtrend di 7 settimane fa aggiungono filtri al rialzo.
La lettura flash di questo mese dell’indice dei prezzi al consumo dell’Eurozona (CPI) e dell’indice dei prezzi PCE degli Stati Uniti sarà importante da osservare.
I back orizzontali di due settimane fa limitano il ribasso istantaneo.
 
Durante la mattinata di venerdì in Europa, gli acquirenti di EUR/USD si sono scontrati con l’EMA a 21 giorni tra l’ampia debolezza del dollaro USA. Inoltre, la media mobile chiave, il sentimento di diffidenza in vista dell’indice dei prezzi della spesa per consumi personali core degli Stati Uniti e dell’IPC dell’Eurozona, sfidano la coppia al rialzo intorno alla resistenza di 1,0230.
 
Tuttavia, vale la pena notare che l’ultimo indice di forza relativa più solido non è in ipervenduto e si unisce ai segnali rialzisti del MACD per sostenere la ripresa dei prezzi, il che mantiene la speranza dei tori.
 
Si dice che la rottura al rialzo della quotazione di 1,0230 potrebbe preannunciare la presenza di acquirenti in prossimità di una linea di resistenza inclinata verso il basso vicino a 1,0310 dall’inizio di giugno.
 
Un’area che comprende più livelli segnati vicino a 1,0380 da maggio sarà importante per tenere d’occhio gli acquirenti di EUR/USD.
 
Dall’altro lato, la zona di supporto orizzontale di due settimane vicino a 1,0115 limita il ribasso immediato della coppia in vista dell’espansione di Fibonacci del 61,8% dei movimenti di marzo-marzo verso 0,9950.
 
Va notato che il livello di parità di 1,000 e il ribasso di dicembre 2002 vicino a 0,9850 sono filtri a sud.