I clienti di criptovalute chiedono la restituzione dei loro soldi dopo il crollo del prestatore Celsius

I clienti coinvolti nell’implosione del prestatore di criptovalute Celsius chiedono la restituzione dei loro fondi.

Numerose lettere sono state inviate al giudice che gestisce l’insolvenza multimiliardaria della società, piene di rabbia, imbarazzo, disperazione e, a volte, rammarico.

Celsius e il suo amministratore delegato, Alex Mashinsky, hanno commercializzato la rete come un luogo sicuro in cui i consumatori possono depositare le loro criptovalute in cambio di interessi elevati. Allo stesso tempo, la società prestava e investiva tali fondi.

Tuttavia, con il crollo del valore delle criptovalute estremamente instabili – il bitcoin da solo ha perso oltre il 60% da novembre – la società ha dovuto affrontare difficoltà crescenti, arrivando a bloccare le transazioni a metà giugno.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!


Le lettere, presentate a un tribunale pubblico virtuale, provengono da tutto l’universo e descrivono le tristi conseguenze del blocco dei fondi dei clienti.


Sebbene i livelli di competenza delle lettere in materia di criptovalute vadano dai dilettanti autoproclamati agli evangelisti, e gli effetti economici vadano da poche centinaia di dollari a cifre a sette zeri, quasi tutti concordano su un punto.


Molte lettere citano le discussioni online AMA del CEO come cruciali per la loro fiducia in lui e nel sito, che sembrava essere sicuro fino a quando non ha bloccato il denaro dei clienti solo pochi giorni prima.