Dopo aver raggiunto la media mobile semplice (SMA) a 50 giorni, il forte rialzo del prezzo del greggio ha iniziato a sgretolarsi

Nonostante un calo delle scorte statunitensi superiore alle attese, il petrolio ha toccato un nuovo minimo settimanale (88,27 dollari) e potrebbe continuare a cedere il rialzo dal minimo mensile (85,73 dollari), dato che sembra invertire la direzione dopo aver superato la SMA a 50 giorni (96,34 dollari).

Testando la media mobile semplice a 50 giorni, i prezzi del greggio sono rimbalzati.

Con i prezzi del petrolio in calo per il secondo giorno, sembra che la pendenza negativa della media mobile stia avendo effetto e il greggio potrebbe subire un ulteriore calo nei prossimi giorni, non essendo influenzato dai nuovi eventi negli Stati Uniti.

Tuttavia, i dati stampati potrebbero influenzare l’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC), in quanto il calo di 3,326 milioni delle scorte statunitensi indica una domanda robusta. Se l’OPEC modificherà o meno il programma di produzione in occasione della prossima riunione ministeriale del 5 settembre è ancora in sospeso, poiché l’ultimo Monthly Oil Market Report (MOMR) avverte che “per il 2022, la domanda mondiale di petrolio è prevista in aumento di 3,1 mb/d, con una revisione al ribasso di 0,3 mb/d”.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro>>>subito per te 100mila euro per fare pratica nel forex trading

Con l’OPEC che prevede di “aumentare la produzione di 0,1 mb/d per settembre 2022 e con l’anticipazione di una maggiore offerta che potrebbe creare venti contrari per il greggio in mezzo alla ripresa della produzione statunitense, il prezzo del petrolio potrebbe faticare a mantenere la salita dal minimo mensile (85,73 dollari) fino ad allora.

I dati dell’Energy Information Administration (EIA) mostrano che la produzione settimanale è aumentata a 12.100.000 unità nella settimana conclusasi il 26 agosto, rispetto alle 12.000.000 della settimana precedente. I segnali di una domanda più forte del previsto e le indicazioni di un aumento dell’offerta potrebbero tenere sotto pressione il prezzo del petrolio se l’OPEC dovesse rispettare l’attuale programma di produzione.

Tuttavia, il rimbalzo dai minimi mensili ($85,73) potrebbe continuare a sgretolarsi poiché il greggio sembra reagire alla pendenza negativa della SMA a 50 giorni ($96,34), suggerendo che il prezzo del petrolio potrebbe scendere ulteriormente nei prossimi giorni.