Cambiamenti previsti per l’S&P 500, il VIX e il dollaro a causa dei fattori stagionali e delle decisioni sui tassi di interesse della prossima settimana

Quest’ultima settimana si è conclusa con un rischio di evento fondamentale molto reale, ma il cambiamento che stiamo facendo è molto più che il semplice passaggio da un venerdì sostenuto dai NFP a un’altra settimana di trading. Siamo passati dalla stagnazione estiva alla stagione commerciale autunnale, sostanzialmente più intensa. Non sarebbe sorprendente che gli orsi prendessero il controllo se il ritmo e l’ansia attuali si trasferissero in un ambiente più popolato da speculatori.


Volume e ROC a 3 settimane per lo S&P 500 utilizzando le SMA a 50 settimane (settimanale)
A partire da settembre, la rincorsa alle aspettative sarà appesantita dalle medie storiche rispetto alle quali vengono misurate. Poiché gennaio è l’unico mese di calendario in cui l’S&P 500 ha registrato una perdita media dal 1980, la maggior parte delle persone si concentrerà innanzitutto su questo numero.


Storicamente, l’indicatore di attività VIX ha raggiunto il suo picco tra settembre e ottobre, mentre il volume a sostegno dell’indice statunitense ha mostrato un aumento più consistente del fatturato nel corso del tempo. Sebbene abbracci con convinzione l’idea che “questa volta è diverso”, le metriche dell’attività sono più robuste rispetto ai potenziali cambi di direzione rispetto ai sondaggi sull’umore o sull’atteggiamento.


Calendario ad alto rischio degli eventi macroeconomici internazionali della prossima settimana
Quando si monitora la volatilità dei mercati, uno dei temi di fondo più importanti da tenere a mente è l’anticipazione da parte del pubblico delle future azioni di politica monetaria. La prossima decisione sui tassi della BCE è per me l’evento più preoccupante della prossima settimana.


La prossima settimana, la seconda banca centrale del mondo dovrebbe aumentare i tassi di interesse di 75 punti base (pb), uno scenario che sembra essere stato incoraggiato da una serie di membri del gruppo che hanno espresso il timore di essere rimasti indietro rispetto alla curva dell’inflazione. I previsti rialzi di 50 pb della RBA e di 75 pb della BOC potrebbero generare volatilità a livello locale, ma non resterei con il fiato sospeso in attesa di un impatto sistemico.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro>>>subito per te 100mila euro per fare pratica nel forex trading


Tenete d’occhio gli Stati Uniti e il dollaro.


Seguirò da vicino l’economia più grande del mondo e la sua valuta, man mano che si risolve il passaggio stagionale e il rischio di eventi programmati. Dal punto di vista del dollaro, il DXY Dollar Index è salito al livello più alto degli ultimi vent’anni.


Dal punto di vista tecnico, il tasso di cambio EUR/USD presenta un rapporto insolitamente alto per la valuta più grande, anche se il cross non ha compiuto movimenti sostanziali al di sotto della parità. Il tasso di cambio dollaro-yen ha raggiunto nuovi massimi di 24 anni, mentre il tasso di cambio sterlina-yen è sceso a livelli che non si vedevano dal 1985.


Quando si parla di dollaro, bisogna tenere conto di molti fattori chiave. A causa del potenziale vantaggio dei tassi di interesse, i funzionari della banca centrale statunitense hanno segnalato di essere pronti a continuare a combattere l’inflazione nonostante la possibilità di una recessione.


Questa settimana, diversi relatori delle banche centrali aggiorneranno le loro prospettive, quindi scopriremo se questa idea rimane vera quando gli investitori globali temono che un paese con lo status di “rifugio di ultima istanza” possa trarre benefici in modi difficili da prevedere.