Binance si aspetta un’impennata dei clienti indiani quando il governo implementerà una nuova tassa sulle criptovalute

La registrazione dei clienti indiani sulla borsa mondiale di criptovalute Binance è aumentata dopo l’applicazione dell’imposta dell’1% dedotta alla fonte (TDS) a luglio. Secondo l’agenzia di stampa, il numero di installazioni di applicazioni Binance in India è salito a 429.000 nel mese di agosto, il più grande di quest’anno. D’altra parte, i volumi delle transazioni giornaliere presso molte grandi borse di criptovalute con sede in India sarebbero calati di oltre il 90% dopo l’entrata in vigore della TDS dell’1%.

Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

In risposta alla proposta di imposta, l’amministratore delegato Rohan Misra (SEBA India), una filiale di SEBA Bank AG con sede in Svizzera, ha dichiarato che l’ultima legislazione fiscale non stabilisce chiaramente se la TDS dell’1% si applichi alle operazioni in derivati sulle criptovalute che comportano futures, così come al trading a pronti sulle criptovalute. La TDS dell’1% si aggiunge alla nuova imposta del 30% sui profitti delle criptovalute. Inoltre, i deficit del trading di criptovalute non possono essere dedotti dai guadagni. Inoltre, le borse di criptovalute indiane godono di un sostegno minimo da parte del sistema finanziario, il che rende difficile per i clienti trasferire fondi dentro e fuori i sistemi di trading.

Per quanto riguarda la possibilità che Binance abbia iniziato ad addebitare le tasse sugli scambi agli utenti indiani, una portavoce della piattaforma ha informato la fonte di notizie che la borsa “sta attualmente valutando lo scenario e rilascerà prontamente ulteriori dichiarazioni”.