L’impennata del gas naturale potrebbe rallentare l’economia mondiale?

In Europa, i prezzi del gas naturale sono ai massimi dal 2008, sostenuti dalle aspettative di un aumento della domanda di forniture di GNL statunitense in seguito al peggioramento della situazione energetica del continente.

Grazie a una serie di ondate di calore che hanno portato la domanda ai massimi storici, la produzione di energia elettrica a gas negli Stati Uniti è riuscita a ottenere risultati migliori quest’estate.

Inoltre, poiché i commercianti hanno sfruttato le opportunità di arbitraggio esportando gas, i prezzi più alti del gas hanno tenuto occupati i porti di esportazione statunitensi.

Le forniture di gas russo all’Europa sono state recentemente tagliate dell’80%, con conseguente aumento del costo del gas naturale in Europa. Da allora, i Paesi dell’Unione Europea (UE) hanno deciso di ridurre l’utilizzo del gas russo di circa il 15% nei successivi otto mesi.

La notizia che l’importante fornitore di gas statunitense Freeport LNG riprenderà le attività a novembre ha sconvolto i sostenitori del gas naturale. A seguito di un incendio, Freeport ha dovuto interrompere la produzione a giugno.

Clicca qui per aprire un conto demo eToro e imparare a fare CFD Trading>>>è gratis

Qualsiasi diminuzione del numero di terminali di esportazione di gas naturale è una cattiva notizia per i prezzi, perché ridurrebbe la domanda statunitense e aumenterebbe le scorte.

Freeport prevede l’inizio della produzione iniziale all’inizio o alla metà di novembre, con una produzione costante di almeno due bcf/d (miliardi di piedi cubi standard al giorno) entro la fine di novembre. Ciò equivarrebbe a più dell’85% della capacità di esportazione dell’impianto.

A causa di lavori di manutenzione, la russa Gazprom interromperà per tre giorni l’invio di merci attraverso i gasdotti North Stream 1 verso la Germania. Secondo le speculazioni, ci vorrà molto più tempo perché la Russia vuole danneggiare l’UE per il sostegno all’Ucraina. Questa diminuzione del flusso potrebbe compromettere i tentativi dell’Europa di riempire le soluzioni di stoccaggio prima dell’inizio dell’inverno.

Gli sforzi del governo statunitense per ridurre l’inquinamento potrebbero inoltre aumentare la domanda di gas naturale, sostenendo le emozioni rialziste.