Troppo alcol, un 16enne e una 21enne all’ospedale a Giussano e Monza. Due auto ribaltate a Desio e Roncello
Numerosi i soccorsi nella notte

Troppo alcol, un 16enne e una 21enne all’ospedale a Giussano e Monza. Due auto ribaltate a Desio e Roncello

Troppo ubriachi finiti all’ospedale, anche un 16enne e una 21enne, due auto ribaltate e un’aggressione, nella notte tra sabato 21 e domenica 22 luglio. Numerosi gli interventi del personale sanitario inviato dal 118, come segnalato dalla Agenzia emergenza urgenza della Regione.

Troppo ubriachi finiti all’ospedale, anche un 16enne e una 21enne, due auto ribaltate e un’aggressione, nella notte tra sabato 21 e domenica 22 luglio. Numerosi gli interventi del personale sanitario inviato dal 118, come segnalato dalla Agenzia emergenza urgenza della Regione.

Poco dopo le 22 in via Serenelle, a Desio, un’ambulanza e una pattuglia dei carabinieri sono intervenuti per soccorrere due donne, di 31 e 62 anni. Sul posto segnalata una aggressione. Per le due donne non è stato necessario il ricovero.

Alle 23.37, sempre a Desio, in via per Bovisio, un’auto con quattro persone a bordo, tra uomini di 18, 22 e 26 anni e una donna di 44, per cause a vaglio dei carabinieri, si è ribaltata. Un ferito è stato trasportato in codice giallo all’ospedale locale. Poco dopo mezzanotte, a Giussano, un’ambulanza a sirene spiegate si è portata in via Lario per soccorrere un 16enne vittima di una intossicazione etilica. È stato trasportato in codice giallo all’ospedale di Desio.

Poco dopo, questa volta a Roncello, un altro ribaltamento. Due i coinvolti di 17 e 52 anni. Nulla di grave: sono stati trasportati in codice verde per accertamenti negli ospedali di Melzo e Vimercate. Alle 3. a Lissone, in via Ermete Novelli, un 38enne è caduto dalla moto e si è procurato qualche ferita medicata al San Gerardo di Monza.

A Carate, in via della Valle, soccorso per un’intossicazione etilica a un 31enne, portato all’ospedale di Desio in codice giallo e infine a Monza, alle 4.30, a una ragazza di 21 anni in via Lecco (codice verde al San Gerardo).


© RIPRODUZIONE RISERVATA