Coronavirus: gli aggiornamenti di sabato 28 marzo. Un morto ad Albiate, tre a Varedo, cinque a Macherio. Sulbiate consegna letti per i malati. La Provincia non ferma i servizi per lavoratori e disoccupati disabili.
I letti preparati da Sulbiate

Coronavirus: gli aggiornamenti di sabato 28 marzo. Un morto ad Albiate, tre a Varedo, cinque a Macherio. Sulbiate consegna letti per i malati. La Provincia non ferma i servizi per lavoratori e disoccupati disabili.

Tre morti per il Covid 19 a Varedo, lo ha comunicato il sindaco . I contagi , invece, sono lievemente aumentati, ma meno della media dei comuni limitrofi

ore 16 Il sindaco di Albiate annuncia un morto anche ad Albiate, dove i contagiati sono 12 mentre altrettante persone sono in sorveglianza attiva. Il Comune ha attivato un servizio di spesa a domicilio per gli over 65 che non hanno una rete familiare che li può sostenere. Si può telefonare al 3295905807 dal lunerdì al venerdì dalle 9 alle 11

ore 14.30 Appello del sindaco di Lissone per gli ospedali raccogliendo un invito della Provincia di Monza e Brianza: donate maschere subea della Decathlon, possono essere utilizzate in reparto.

ore 14.15 Un nuovo video del sindaco di Macherio ha aggiornato i numeri dei contagiati: 5 persone, purtroppo sono decedute. Erano anziani con patologie pregresse. 11 sono i contagiati 28 persone in isolamento. Sono stati attivati due nuovi servizi: chi vuole può arlare con un sacerdote telefonando al 3206222846. Mentre le persone anziane e sole , grazie all’interessamento di un benefattore, potranno avere una pizza gratis una o due volte alla settimana telefonando al 3333654292

ore 12.45 Lo slogan adottato dalla Provincia per l’emergenza è “Uniti ma distanti”. E proprio a questo messaggio tiene fede la scelta di mantenere attivi, in modalità remoto, alcuni servizi a sostegno dei cittadini più fragili in tema di lavoro.

La Provincia, ha infatti deciso di permettere l’erogazione a distanza di alcune attività finanziate dal Piano Lift - Lavoro, Integrazione, Formazione, Territorio. L’obiettivo è di non interrompere i percorsi di orientamento e accompagnamento al lavoro che coinvolgono 400 cittadini con disabilità e sono già finanziati attraverso fondi regionali per un valore di 1.3750.000 euro.

“Stiamo affrontando una situazione di estrema emergenza che ha richiesto di adottare prescrizioni molto rigide tra cui distanza dal prossimo è come misura di sicurezza. – spiega il Presidente della Provincia MB Luca Santambrogio – Abbiamo pertanto sospeso diverse attività di sportello, che vivono della vicinanza e del contatto, per tutelare la salute degli operatori e dei cittadini. Ma riteniamo che nel caso di servizi che riguardano lavoratori con disabilità sia fondamentale mantenere un filo per non interrompere percorsi avviati con il solo obiettivo di non fare perdere a questi lavoratori la fiducia nel futuro ed aiutare a superare la paura di essere isolati.”

Il Piano LIFT prevede, tra le tante attività, la predisposizione percorsi personalizzati di inserimento per la persona con disabilità, da realizzarsi con il supporto di Enti accreditati al lavoro, Afol Monza e Brianza, cooperative sociali, unità di offerta socio-sanitaria, Comuni che gestiscono i servizi per l’integrazione lavorativa, associazioni di solidarietà familiare, organizzazioni di volontariato.

Attraverso modalità di lavoro remoto – videochiamate, chat, skype - gli operatori potranno continuare ad erogare alcuni servizi che puntano al mantenimento del contatto con l’utenza:

ore 12 Ieri pomeriggio il Presidente della Provincia di Monza e Brianza ha chiesto sul gruppo di whatsapp dei Sindaci disponibilità di letti per ospedale anche non nuovi da consegnare all’Asst di Vimercate per allestimento di una struttura per sub acuti in dimissione dagli ospedali. Questa mattina, in poche ore, è arrivata già una risposta: coordinati dalla responsabile dell’Ufficio Tecnico i volontari hanno preparato controllato e montato i letti dell’ex casa di sollievo. Domani verranno consegnati.

ore 11.30 Secondo i dati della Fim Cisl regionale in Brianza sono state presentate 1342 richieste di cassa integrazione nel settore metalmeccanico. Una ricerca della Cisl Lombardia sui codici Ateco indicati dal decreto del Governo per stabilire quali aziende possono rimanere aperte ha stabilito che nella provincia di Monza le imprese non coinvolte nel lockdown sono più di 2.800

I soccorritori della croce rossa di desio

I soccorritori della croce rossa di desio
(Foto by Paola Farina)

ore 10.15 Tre morti per coronavirus a Varedo. Lo comunica il sindaco Filippo Vergani che su facebook fa le condoglianze alle famiglie dei defunti. Gli altri relativi ai contagi del comune brianzolo sono stabili: «Al momento - spiega il primo cittadino- le persone positive sono 31, in lieve aumento, ma con un trend inferiore rispetto ad altri territori limitrofi. 24 sono quelle ancora in Sorveglianza Attiva domiciliare: un dato sostanzialmente stabile».

Il messaggio del sindaco continua con l’invito a restare a casa


© RIPRODUZIONE RISERVATA