Schumi, la moglie chiede silenzio

Mercoledì conferenza sulle indagini

Schumi, la moglie chiede silenzio  Mercoledì conferenza sulle indagini

La moglie Corinna chiede silenzio, la manager Sabine Kehm smentisce le voci secondo cui Michael Schumacher sarebbe “fuori pericolo”. L’ex pilota di Formula 1 è sempre ricoverato all’ospedale di Grenoble, in coma dopo un incidente sugli sci. Mercoledì parla la procura di Albertville.

La moglie Corinna chiede silenzio, la manager Sabine Kehm smentisce le voci secondo cui Michael Schumacher sarebbe “fuori pericolo”. L’ex pilota di Formula 1 è ricoverato dal 29 dicembre all’ospedale di Grenoble, in coma dopo una caduta con gli sci nella quale aveva battuto la testa contro una roccia.

Dopo la profonda preoccupazione dei primi giorni, l’equipe di medici aveva definito “stabili, ma critiche” le condizioni del tedesco. È stata la Bild a diffondere la voce di “lievi miglioramenti” che però sono stati smentiti dalla Kehm.

È stata invece la moglie del pilota, Corinna, a chiedere che dopo il clamore dei primi giorni intorno all’ospedale di Grenoble cali il silenzio: «Vi prego di proteggere Michael e di stargli vicino senza interferire nel lavoro dei medici che hanno bisogno di tranquillità per lavorare – ha detto alle decine di giornalisti che da giorni seguono la notizia - Quindi lasciate la clinica e fidatevi delle loro dichiarazioni».

È attesa invece per mercoledì 8 gennaio una conferenza stampa della procura di Albertville che sta indagando sull’incidente. Decisivi nella ricostruzione della dinamica potrebbero essere un video girato da un turista e le immagini della telecamera che Schumacher aveva montato sul casco di protezione. Secondo fonti citate dall’agenzia France press, infatti, al momento dell’incidente sarebbe stata in funzione e avrebbe registrato un documento importante.


© RIPRODUZIONE RISERVATA