MotoGp, il Qatar incorona Marquez

Valentino Rossi secondo in rimonta

MotoGp, il Qatar incorona Marquez  Valentino Rossi secondo in rimonta

Ha vinto il campione in carica, ma i riflettori sono stati anche per Valentino Rossi. Il mondiale della Motogp è ricominciato dal Qatar con la vittoria di Marc Marquez su Honda. L’ha spuntata all’ultimo giro sulla Yamaha di Rossi, partito dalla decima posizione in griglia.

Ha vinto il campione in carica, ma i riflettori sono stati anche per Valentino Rossi. Il mondiale della Motogp è ricominciato dal Qatar con la vittoria di Marc Marquez su Honda, sempre terribile ma ormai non più così baby come al suo esordio l’anno passato. Però pur sempre reduce da un infortunio che l’aveva costretto a saltare gli ultimi test.

L’ha spuntata all’ultimo giro sulla Yamaha di Rossi (a sua volta nove volte campione del mondo) dopo una gara ricca di sorpassi e una gran rimonta del pesarese, partito dalla decima posizione in griglia. Terza la Honda di Dani Pedrosa, fuori al primo giro Jorge Lorenzo.

Leggi MotoGp al via con Rossi e Lorenzo, la sfida Yamaha parte da Lesmo: l’intervista a Massimo Meregalli

«Sono contentissimo: mi sono divertito da matti - ha spiegato Rossi - Sinceramente ho pensato di vincere: nel corso della gara avevo 3-4 piani per provare a battere Marquez, ma in uscita dalla curva 10 andava via in accelerazione. All’ultimo giro ero distante, non avevo praticamente più possibilità di provarci. Sono comunque felicissimo, dobbiamo adesso esser forti così sempre, o almeno “quasi sempre”».

«Sono molto contento del risultato di oggi - ha commentato Marquez - Ecco i primi 25 punti, ma è stata una gara importante perché venivo da un infortunio che mi ha tenuto lontano gran parte della pre-season. La battaglia con Valentino è stata fantastica, mi sono divertito molto: all’ultimo giro ho spinto al 100% ma nei giri precedenti ci siamo sorpassati due o tre volte. Anzi, è stata la cosa più bella della gara, ancor più che la vittoria».

Prossima gara in Texas per il Gp degli Stati Uniti, il 13 aprile.


© RIPRODUZIONE RISERVATA