Seregno capitale del pianoforte

Il concorso Pozzoli entra nel vivo

Seregno capitale del pianoforte  Il concorso Pozzoli entra nel vivo

Seregno è in clima Pozzoli. Il concorso pianistico internazionale che quest’anno va in scena con la 28esima edizione riempie il teatro San Rocco, ma anche le vie e le vetrine dei negozi. Finali il 24 settembre.

Seregno è in clima Pozzoli. Il concorso pianistico internazionale che quest’anno va in scena con la 28esima edizione riempie il teatro San Rocco, ma anche le vie e le vetrine dei negozi.

Il teatro e il “Pozzoli village” di via De Nova sono i due punti di maggior riferimento.

Finali il 24 settembre - La gara opporrà sessantaquattro giovani pianisti provenienti da ventuno nazioni fino alla finale del 24 settembre. I concorrenti provengono Cina, Corea del Sud, Germania, Giappone (il gruppo più numeroso), Ucraina, Italia, Belgio, Olanda o Messico. Al vincitore andranno in premio 15 mila euro e sei recital.

Fino a giovedì 19 settembre, dalle 9, ed è una novità, le prime prove eliminatorie si svolgeranno al Pozzoli Village, mentre da venerdì 20 a martedì 24 , serata della finale, tutte le esibizioni avverranno al teatro San Rocco. La seconda novità in assoluto è che per la prima volta nella storia del concorso sarà l’orchestra filarmonica Ettore Pozzoli, diretta dal maestro Francesco Ommassini, ad accompagnare i finalisti, nella quarta ed ultima prova.

Oltre il Pozzoli e Musica in piazze e cortili - L’evento “clou” a corollario del concorso è “Oltre il Pozzoli” all’interno del quale è stato programmato per giovedì 19 settembre “ Piazze e cortili in musica”: dal rock alla musica classica, dai cori alle sonorità irlandesi, dalle 21 fino a notte. I protagonisti di “piazze e cortili in musica” sono: coro Rifugio (piazza Concordia), orchestra giovanile Monteverdi (via don Bosco), The Soft guitars (via Paradiso), The Bag e i Grems (cortile circolo s.Giuseppe), Paper moon (largo San Vittore), fondazione Piseri:ensemble di archi ( vicolo alla Chiesa); Lorenzo Galesso (piazza Vittorio Veneto); Arna Nan (via Vincenzo); Rexis e change of plans (piazza Segni); Frensis&mother yeast (piazza Segni); Bluedust bluegrass bans (via Garibaldi); Cartanima con gli allievi di Ama (via Umberto); scuola Manzoni (piazza Biella); Acoustic jazz duo ( via Umberto); Kalis concentus (corte del Borghesan); Black rain again ( piazza Donatori di sangue); The nightbirds e Giacomo Pinelli ( piazza Italia); ensemble Crinicarni ( corso del Popolo); ragazzi dell’Aliente e scuola Mercalli (piazza Roma).

Al “Pozzoli village”, venerdì 20 settembre alle 21 esibizione del pianista Pietro Bonfiglio, mentre il giorno seguente alle 15, “conversazione e musica al pianoforte con il maestro Alberto Guccione”, viaggio per conoscere, interpretare e altre cose dimenticate di Bach, Beethoven, Chopin e Liszt. Alle 21: swing e tradizione con la “Paper moon orchestra e jam session”, aperta ad altri musicisti. In biblioteca civica omaggio a Ettore Pozzoli con due iniziative: l’esposizione di documenti, manoscritti e memorie e l’allestimento di un percorso biblio-discografico sul mondo del pianoforte. A palazzo Landriani-Caponaghi, di piazza Martiri della Libertà, fino al 29 settembre è aperta la mostra “ Il clavicembalo: l’antenato del pianoforte” (ore 9-18).


© RIPRODUZIONE RISERVATA