“Paesi che vai” regolarmente in onda sulla Rai: ripristinata la puntata su Monza
MONZA FONTANA DELLE RANE PIAZZA ROMA (Foto by FABRIZIO RADAELLI)

“Paesi che vai” regolarmente in onda sulla Rai: ripristinata la puntata su Monza

È stata ripristinata la puntata di “Paesi che vai” dedicata a Monza. Era stata cancellata dalla programmazione, è stata prevista di nuovo per domenica mattina 7 marzo.

È stata ripristinata la puntata di “Paesi che vai” dedicata a Monza. Mercoledì sera la pagina Facebook della trasmissione di Rai 1 patrocinata dal MIBACT (Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo) che ogni domenica mattina conduce a spasso i telespettatori tra le bellezze storiche, culturali, naturalistiche e gastronomiche dell’Italia, aveva annunciato la sospensione della programmazione poiché “il nostro spazio sarà occupato dalla trasmissione che precede per commentare gli ascolti della finale di Sanremo. Comunicheremo al più presto la nuova data di messa in onda”.

Sulla vicenda è intervenuto il deputato brianzolo della Lega e segretario della Vigilanza Rai Massimiliano Capitanio che stamattina ha annunciato che la puntata di “Paesi che vai” dedicata a Monza andrà regolarmente in onda il 7 marzo intorno alle 9.40.

“Come segretario della Vigilanza Rai- ha scritto Capitanio in un documento- sono intervenuto personalmente sui vertici Rai perché era inaccettabile un cambio di programma così repentino e immotivato. Proprio ieri, tra l’altro, avevamo espresso al ministro Franceschini, durante l’audizione in Commissione, la sollecitazione a portare più cultura sulla televisione di stato. La trasmissione di Livio Leonardi rappresenta un unicum per qualità e raffinatezza e lavorerò affinché il palinsesto estivo possa ospitare alcune puntate anche in prima serata. Nel frattempo godiamoci la puntata sulla nostra Monza e i suoi gioielli, un patrimonio dell’umanità capace di sorprendere e commuovere. Ringrazio i vertici Rai per avere accolto la mia richiesta”. La puntata “monzese” era già stata programmata per il 1° novembre e poi rinviata a data da destinarsi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA