Bicentenario: la maratona per Napoleone parte da Monza con l’ode letta da Cirilli, una mostra a Limbiate
Gabriele Cirilli - Monza

Bicentenario: la maratona per Napoleone parte da Monza con l’ode letta da Cirilli, una mostra a Limbiate

Teatro di Corte, ore 17.49 del 5 maggio 2021. Parte da Monza, la maratona che celebra l’inizio degli eventi per il bicentenario della morte di Napoleone Bonaparte. L’attore Gabriele Cirilli legge “Il cinque maggio” di Manzoni. A Limbiate la mostra “Napoleone 2021”.

Teatro di Corte, ore 17.49 del 5 maggio 2021. Parte da Monza, nell’ora del “mortal sospiro”, la maratona che celebra l’inizio degli eventi per il bicentenario della morte di Napoleone Bonaparte. L’ode di Alessandro Manzoni interpretata dall’attore Gabriele Cirilli nel teatrino della Villa Reale apre ufficialmente gli eventi diffusa attraverso i canali Facebook e Youtube del Comitato per il Bicentenario.

Una maratona che avrà come scenario alcuni dei luoghi napoleonici che faranno da sfondo agli eventi in programma, da Venaria reale all’Archivio di Stato di Milano passando per il Forte di Bard.

LEGGI L’era di Napoleone dentro la Reggia di Monza: quando la Villa diventò reale

Il Comune di Monza aderisce al Comitato per il Bicentenario Napoleonico 1821 - 2021 per definire un programma di iniziative dedicate all’anniversario in base all’evoluzione dell’emergenza sanitaria.

A ottobre è prevista l’evento “Da Napoleone al terzo millennio: gli artisti e il Parco di Monza”, una mostra con cui i Musei Civici ripercorrono le vicende storiche del Parco, “a partire dalla fondazione napoleonica nel 1805, attraverso il patrimonio di opere d’arte che a vario titolo hanno preso spunto dal complesso monzese”.

“Il percorso espositivo muove dalla Villa Reale, che con i suoi giardini ha costituito il primo nucleo di interesse paesaggistico e architettonico, sino alle più recenti interpretazioni artistiche: uno sguardo sul Parco attraverso la pittura e l’incisione che spazia dalle vedute ottocentesche al naturalismo, dalle suggestioni grafiche del Novecento all’esplosione espressionistica del colore”.

A Limbiate, che Napoleone frequentò grazie a Villa Crivelli, dall’8 maggio l’Istituto di Istruzione Superiore “Castiglioni” e il Comune di Limbiate hanno realizzato la mostra-spettacolo “Napoleone 2021” con la collaborazione della Provincia di Monza e della Brianza.

“La Villa sarà riportata al suo “antico splendore” mediante la ricostruzione fedele di arredi e costumi all’interno di scenografie immersive riprodotte virtualmente. I personaggi riprenderanno vita attraverso un costante dialogo teatrale con il pubblico, che avrà accesso alla mostra in piccoli gruppi da 10 persone, ripercorrendo la storia e gli eventi che si sono succeduti in Villa Crivelli all’epoca di Napoleone”, spiega il Comune di Limbiate.

Come ogni anno ci sarà la rievocazione storica - quest’anno a porte chiuse - del matrimonio delle sorelle Paolina ed Elisa Bonaparte, celebrato nel 1797 all’interno dell’Oratorio di San Francesco situato a fianco della Villa.
Ne verrà girata una ripresa in notturna dell’evento a cura del “Comitato Napoleone a Mombello”, successivamente proiettata negli spazi della mostra.

La mostra-spettacolo sarà corredata dall’esposizione di una graphic novel a cura degli studenti, da una serie di concerti di musica classica en plein air e da numerose curiosità che gli avventori potranno scoprire visitando “Napoleone 2021” dall’8 maggio al 13 giugno.

Per l’occasione è stata inoltre registrata in video una breve storia della pala d’altare del pittore cinquecentesco Bernardino Campi: si tratta di un’opera che rientra nel patrimonio immobiliare della Provincia MB, in origine collocata sopra l’altare maggiore nell’Oratorio di San Francesco all’interno del complesso di Villa Crivelli, oggi in deposito temporaneo presso la sede della Città Metropolitana a Palazzo Isimbardi a Milano.

L’iniziativa è stata inserita tra le azioni di valorizzazione del patrimonio culturale promosso attraverso il progetto “Ville Aperte in Brianza” coordinato dalla Provincia di Monza e Brianza. La Mostra è patrocinata da Regione Lombardia, dal Consolato francese e dall’Institut français Milano. Il concerto inaugurale (una riduzione in francese e italiano della Carmen di Bizet) sarà a cura dell’Associazione culturale “Nuovi Confini” con il contributo economico di Carrefour Italia, mentre i concerti domenicali saranno eseguiti dagli studenti del Liceo Musicale “Zucchi” di Monza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA