Arcore, il Festival della Letteratura torna con Vitali, Daverio e Pupi Avati
Arcore festival letteratura: la presentazione (Foto by Michele Boni)

Arcore, il Festival della Letteratura torna con Vitali, Daverio e Pupi Avati

Tra grandi ritorni e nuovi ospiti di primissimo piano il Festival della Letteratura di Villa Borromeo d’Adda ad Arcore è alla sua terza edizione e promette un grande successo. Inaugurazione il 29 aprile, ospiti principali Andrea Vitali, Philippe Daverio e Pupi Avati.

Tra grandi ritorni e nuovi ospiti di primissimo piano il Festival della Letteratura di Villa Borromeo d’Adda ad Arcore è alla sua terza edizione e promette un grande successo. È l’evento organizzato dall’amministrazione comunale, dal main sponsor Acsm-Agam e dal curatore di tutta la manifestazione Alberto Moioli.
La kermesse aprirà i battenti il 29 aprile alle 16 con il Parco delle Sculture nei giardini della storica residenza arcorese per una piccola anteprima, anche se la vera e propria inaugurazione avverrà venerdì 5 maggio alle 21 all’auditorium Don Oldani con l’artista Alessio Ceruti e l’orchestra di Giammaria Bellisario. Tre gli appuntamenti principali.

SCOPRI Tutto il programma sul sito ufficiale

Martedì 9 maggio gli arcoresi potranno assistere a una serata in compagnia del romanziere lecchese Andrea Vitali (collabora anche col gruppo Sulutumana) che alle Scuderie di Villa Borromeo presenterà alle 21 il suo ultimo libro “A cantare fu il cane” insieme al sindaco Rosalba Colombo che modererà l’evento. Venerdì 12 maggio invece ritornerà al cineteatro Nuovo alle 20.30 Philippe Daverio, il noto critico d’arte terrà una conferenza intitolata “Energia per la vita quotidiana”. Infine lunedì 22 maggio alle 21 la sala di via San Gregorio ospiterà il regista Pupi Avati per parlare di cinema con uno dei maggiori esponenti italiani. Questi sono solo alcuni degli appuntamenti messi a calendario dagli organizzatori perché il festival durerà fino al 28 maggio.

«Abbiamo lavorato tantissimo per stilare un cartellone di proposte simili – ha spiegato il coordinatore Moioli durante la conferenza di presentazione - Il nostro intento è di mischiare la musica, l’arte, il cinema e la letteratura non lasciando mai un evento a sé stante».

Tra i più entusiasti dell’iniziativa c’è sicuramente il primo cittadino. «Sono felicissima perché noi passiamo dalla teoria alla pratica e non rimaniamo fermi di fronte alla cultura ma la diffondiamo», ha detto Colombo. «È stato un grande lavoro di squadra – ha aggiunto l’assessore alla Cultura Paola Palma – e faremo respirare una volta di più la cultura agli arcoresi e non solo».

Ad accodarsi alle dichiarazioni della giunta è stata la vicepresidente di Acsm-Agam Annamaria Di Ruscio che ha sottolineato come «la nostra azienda creda nell’importanza della cultura e di fare impresa in questo modo sostenendo questo progetto». All’incontro ha preso parte anche la curatrice d’arte Simona Bartolena che presenterà il 19 maggio la mostra di Arturo Vermi sempre alle Scuderie di Villa Borromeo. Infine il 14 maggio in collaborazione col Fai si potrà visitare nuovamente il cantiere di Villa Borromeo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA