#Spuntodivista: perchè non è un buon segno la chiusura del cinema Metropol
Monza, il cinema Metropol (Foto by Foto di Fabrizio Radaelli)

#Spuntodivista: perchè non è un buon segno la chiusura del cinema Metropol

L’editoriale del direttore Claudio Colombo. Lo storico cinema Metropol di Monza, fondato nel 1956, chiuderà a fine luglio. Non è una buona notizia: la città perde un altro spazio di cultura, di scambio e convivenza sociale.

Chiude un altro cinema, il Metropol di Monza, e sebbene noi tutti si sia alle prese con problemi quotidiani più incalzanti, questa non può ugualmente essere considerata una notizia minore né, ovviamente, una buona notizia. Perché non è mai bello che uno schermo si spenga, tanto più se la chiusura si aggiunge a una serie negativa cominciata alla fine del secolo scorso, dapprima con i cinema parrocchiali, avamposto e presidio di ruspante educazione alla conoscenza, poi con le sale di antica fondazione e dai nomi suggestivi, sorprese dal tumultuoso cammino tecnologico e impreparate agli spintoni della modernità.

L’arretramento è generalizzato e certificato dai numeri: a Monza e in tutta la Brianza si calcola la sparizione del 70 per cento delle sale cinematografiche rispetto a 30 anni fa. Solo nel capoluogo, si è passati in poco tempo da otto a tre. In altri casi, da cinque a zero. Chi sopravvive, soffre e lotta contro crisi e bilanci in rosso.

Un’ecatombe, appunto, motivata dall’impossibilità di trovare idee vincenti per arginare il cambiamento dei costumi: impossibile, dicono i gestori, sopravvivere ai tempi di Netflix e della super-offerta di film sui canali tv, improponibile ingaggiare un braccio di ferro con i multisala ultramoderni odorosi di popcorn, birra e pizza al trancio.

E’ il progresso, bellezza: tuttavia, quando un cinema chiude, si chiudono anche un certo mondo e un certo modo di vedere la vita. Non è nostalgismo, ma mera contabilità: vuol dire che la città ha perso un altro spazio di incontro, di cultura, di scambio e convivenza sociale. Un altro pezzo della sua storia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA