Verso il Monza Rally Show 2018: pedana jump sul rettilineo, riflettori sempre su Valentino Rossi
MONZA Rally 2017 (Foto by Fabrizio Radaelli)

Verso il Monza Rally Show 2018: pedana jump sul rettilineo, riflettori sempre su Valentino Rossi

Conto alla rovescia per il Monza Rally Show che chiude la stagione dell’autodromo nazionale dal 7 al 9 dicembre. Riflettori ancora puntati su Valentino Rossi alla ricerca della settima vittoria. Attesa per il Master show, novità sul percorso: una pedana jump.

Ormai non è rimasto che lui, il Monza Rally Show, per chiudere l’ennesima stagione di motorsport all’Autodromo nazionale. Quest’anno l’evento, che sta impegnando la Sias nella definizione degli ultimi particolari, andrà in scena in ritardo di quindici giorni rispetto alle passate edizioni, con il via previsto venerdì della prossima settimana. Un ritorno alle origini in quanto la prima edizione, svolta quarant’anni fa, si disputò su due giorni con la partenza proprio il 7 dicembre. Allora scese un’abbondante nevicata che, a meno di sconvolgimenti climatici, ben difficilmente vedremo quest’anno. Una edizione 2018 che si presenta con lo slogan “The Show Must Go Hard”.

Il Rally ripropone, a grandi linee, la struttura agonistica del passato con prove speciali spalmate su tre giorni e conclusione all’ora di pranzo della domenica. Giusto in tempo per lasciare spazio di allestire il percorso dello spettacolare Master Show, evento nell’evento.

Dopo la felice esperienza di dodici mesi fa, che aveva visto la carovana muoversi dal centro di Monza verso l’autodromo, l’edizione del 2018 riporta la pedana di partenza nella pit-lane del circuito. Da lì, nel pomeriggio di venerdì, partiranno prima le storiche e poi gli iscritti al rally vero e proprio. In termini di percorso, fatto salvo che come sempre le prove speciali si possono disputare solo in pista, la novità più interessante per le oltre cento vetture iscritte sarà l’affrontare una rampa posizionata a metà rettilineo principale: una pedana jump utilizzata sia nel Masters’ Show sia in alcune prove speciali.

Vista la particolare conformazione delle sospensioni delle auto non sarà un salto in alto ma, in ogni caso, sarà interessante vedere volare i partecipanti con le ruote a mezzo metro da terra.

Sul fronte degli iscritti è scontata la presenza come attrazione principale di Valentino Rossi, al volante di una Ford WRC Plus, mentre il suo sfidante più accreditato, ed al volante di una vettura gemella, sarà l’astro nascente finlandese Teemu Suninen. Ancora in definizione la lista degli altri partecipanti dove per ora spicca uno dei nomi che nelle ultime edizioni ha fatto più divertire il pubblico monzese, Tony Cairoli.

Per gli stessi spettatori, oltre alla consueta possibilità di vedere da vicino i propri beniamini direttamente nel paddock, è stata allestita un’apposita area d’intrattenimento sfruttando una parte della tensostruttura utilizzata per le recenti Finali Ferrari. Sarà lì dove gli appassionati potranno passare del tempo, riscaldandosi, vistando i vari stand presenti. Inoltre il palco centrale quest’anno sarà gestito addirittura da RAI Radio2 che effettuerà collegamenti durante alcuni programmi di punta del proprio canale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA