Nizzolo, Tonetti, Confalonieri: il futuro dei ciclisti brianzoli
Nizzolo ai tempi del titolo europeo

Nizzolo, Tonetti, Confalonieri: il futuro dei ciclisti brianzoli

Strategie e scelte in corso nel mondo del ciclismo in vista della prossima stagione: il punto su Nizzolo, Tonetti e Confalonieri.

In questo mese nel ciclismo si stanno definendo programmi e strategie per la stagione 2022. In primo piano spiccano vicende che coinvolgono anche alcuni atleti brianzoli a iniziare dal professionista Giacomo Nizzolo che ha firmato un contratto biennale con la Israel Start-Up Nation. Il velocista di Muggiò si è trasferito presso la compagine israeliana, iscritta al World Tour, lasciando dopo tre anni la sudafricana Qhubeka (ormai destinata alla chiusura, secondo talune indiscrezioni, a causa di difficoltà economiche).

Il Campione d’Europa 2020 si rilancia con grande ottimismo, pronto ad affrontare una nuova avventura. Giacomo, 32 anni, quest’anno vincitore della 13ma tappa al Giro d’Italia, ha commentato il suo trasferimento: «Dall’esterno mi è sempre sembrata una gran bella squadra e unirmi a loro è davvero speciale. Considerate le mie prestazioni negli ultimi due anni, spero di poter continuare in questo percorso e puntare a grandi obiettivi. Il mio sogno rimane la Milano-Sanremo, ma spero di riuscire a lasciare il segno ogni volta che ne avrò l’occasione. Ora non vedo l’ora di unirmi alla mia nuova squadra».

Cristina Tonetti, classe 2002, figlia dell’ex professionista Gianluca Tonetti di Besana Brianza, affronterà la seconda stagione nella massima categoria femminile con la maglia della Top Girls Fassa Bortolo dopo un anno di transizione nel Team Vo2 Pink nel quale ha dovuto alternare la bicicletta agli studi. «Sono veramente contenta di aver la possibilità di vestire la storica maglia. – ha spiegato l’atleta – Ritengo sia una squadra in cui posso imparare molto e sono sicura che tutto ciò che riuscirò ad apprendere sarà utile per crescere come atleta e come persona». Il Team Top Girls Fassa Bortolo con sede a Spresiano (Treviso) è iscritto alla divisione Continental ed è affiliato alla Federazione Ciclistica Italiana (FCI) e all’Unione Ciclistica Internazionale (UCI). La squadra è stata fondata nel 1994 grazie alla passione del suo fondatore, Lucio Rigato. Durante la sua ormai venticinquennale storia, ha vinto, tra le altre, 2 campionati del mondo, 3 campionati europei, 24 campionati italiani, 2 campionati croati.

Maria Giulia Confalonieri atleta 28enne di Seregno (tesserata a Team Ceratizit Wnt Pro Cycling e Gs.Fiamme Oro) con all’attivo importanti risultati in gare su pista (è stata più volte campionessa europea) è ferma a un bivio e sta valutando in quale settore dovrà gareggiare nel 2022 privilegiare cioè le corse su strada o quelle su pista? Paolo Sangalli di Trezzo sull’Adda (classe 1970) neo CT delle stradiste azzurre non ha dubbi. «Maria Giulia ha solo bisogno di vincere una bella gara su strada. Se in tempi brevi ci riuscirà, sbloccandosi, sono certo che poi otterrà successi a ripetizione. La Confalonieri ha un’intelligenza fuori dal comune in tutti i sensi, e sa “leggere” le gare meglio di tante altre. Maria Giulia vincerà a grande livello». In attesa di decidere il suo futuro l’atleta di Seregno, archiviata la stagione 2021, ha scelto di riposare per alcune settimane prima di definire in quale ambito spendere le sue migliori energie.


© RIPRODUZIONE RISERVATA