Motori, la 1000 Miglia a Monza: sfilata delle auto storiche e pranzo all’autodromo per il Comitato Verga
Bugatti T37 Mille Miglia

Motori, la 1000 Miglia a Monza: sfilata delle auto storiche e pranzo all’autodromo per il Comitato Verga

Spettacolo, fascino e beneficenza con la “corsa più bella del mondo”. Sabato 19 maggio torna a Monza la 1000 miglia, frazione sul tracciato dell’autodromo nell’ultima tappa. Verrà organizzato un “pranzo-evento” per concorrenti e pubblico a favore del Comitato Maria Letizia Verga per la ricerca, la cura e l’assistenza dei bambini malati di leucemia.

Spettacolo, fascino e beneficenza con la “corsa più bella del mondo”. Sabato 19 maggio torna a Monza la 1000 miglia, frazione sul tracciato dell’autodromo nell’ultima tappa che porterà la carovana delle auto storiche a Brescia per la vittoria finale. Un appuntamento sportivo, ma anche un’occasione per fare qualcosa di concreto: verrà organizzato un “pranzo-evento” per concorrenti e pubblico, il cui ricavato verrà devoluto al Comitato Maria Letizia Verga di Monza per la ricerca, la cura e l’assistenza dei bambini malati di leucemia.

Il programma dell’ultima giornata prevede la partenza da Parma alle 6.30 con rotta verso il Museo dell’Alfa romeo di Arese, passando da Lodi. Le vetture storiche inizieranno ad arrivare al Monza Eni Circuit dalle 11 circa. Effettueranno un giro di pista e stazioneranno poi nel paddock per permettere a tutti di vederle da vicino. L’ultima auto lascerà il circuito tra le 15.30 e le 16.

Il percorso 2018 disegna l’arrivo dalla Statale 36 con uscita in piazzale Virgilio e passerella lungo viale Cesare Battisti e viale Brianza fino a Biassono con ingresso al circuito da Santa Maria delle Selve. Nel pomeriggio uscita da Biassono-Lesmo con passaggio a Peregallo e percorso lungo la provinciale La Santa fino a Vimercate e poi avanti, sempre sulla strada provinciale, verso Trezzo e la provincia di Bergamo.

Monza 1000 miglia

Monza 1000 miglia
(Foto by Archivio/Fabrizio Radaelli)


Il pranzo, che è un evento su prenotazione a cura dei volontari del Gruppo Alpini Varese e del gruppo “Monelli della Motta” di Varese, avrà due location d’eccezione. I concorrenti si intratterranno infatti all’interno della Sala Regione, mentre il pubblico potrà pranzare nei box del circuito che si affacciano sulla pitlane dove le vetture storiche dovranno transitare per il controllo orario, con l’opportunità così di ammirarle da vicino.

L’occasione, per volontà di Autodromo Nazionale Monza Sias, diventa quindi un gesto concreto per combattere la leucemia. Il ricavato del pranzo dei concorrenti e del pubblico si trasformerà infatti in fondi raccolti a favore del Comitato Maria Letizia Verga. La partecipazione al pranzo costa 25 euro, prenotazioni entro giovedì 17 maggio secondo le modalità indicate sul sito www.monzanet.it.

Spiega il presidente di Autodromo Nazionale Monza Sias, Giuseppe Redaelli: «Il circuito è da sempre attento al tessuto associativo del monzese. Ospitiamo spesso iniziative a fini di beneficenza come le manifestazioni podistiche a passo libero e il Monza Sport Festival. Abbiamo deciso di trasformare un atteso appuntamento come la 1000 Miglia in un’altra occasione di solidarietà a favore del Comitato Maria Letizia Verga con il fondamentale aiuto del Gruppo Alpini Varese e del sodalizio “Monelli della Motta”. Le due associazioni varesine si occuperanno di preparare i pasti, coinvolgendo decine di volontari. Vorrei pertanto esprimere il mio ringraziamento a tutte le persone che permetteranno il buon svolgimento di questa iniziativa».

«È molto emozionante pensare che una gara storica come questa si possa trasformare anche in un importante momento di solidarietà. Un grazie speciale all’Autodromo e a tutti coloro che ci aiutano per guarire un bambino in più», dichiara Giovanni Verga, presidente del Comitato Maria Letizia Verga.

L’ingresso in autodromo sabato 19 maggio è gratuito. I parcheggi interni saranno invece a pagamento (auto: 10 euro, moto: 5 euro).

Monza 1000 miglia

Monza 1000 miglia
(Foto by archivio/Fabrizio Radaelli)

© RIPRODUZIONE RISERVATA