Atletica, la  Fidal Milano sceglie la continuità: Paolo Galimberti resta presidente
Il nuovo ocnsiglio direttivo della Fidal Milano

Atletica, la Fidal Milano sceglie la continuità: Paolo Galimberti resta presidente

L’assemblea del Comitato provinciale di Milano della Fidal ha riconfermato il presidente uscente Paolo Galimberti che ha battuto lo sfidante Pietro Perego. Rinnovato anche il consiglio. Il limbiatese Gianni Mauri alla guida della Fidal regionale.

Il monzese Paolo Galimberti, 52 anni, si conferma presidente del Comitato provinciale di Milano della Fidal - Federazione italiana di atletica leggera. È stato eletto al termine dell’assemblea che si è tenuta sabato 23 gennaio al Cineteatro di Cesano Maderno, dove con i suoi 1.232 voti ha avuto la meglio sullo sfidante Piero Perego, 75enne milanese che ha ottenuto 402 voti.

Paolo Galimberti

Paolo Galimberti

«Erano i numeri che ci aspettavamo. I segnali ricevuti dalle società erano chiari: erano soddisfatte del lavoro svolto in questi 4 anni - commenta il presidente neo eletto -. Ho avuto la fortuna di lavorare con una squadra molto propositiva e volenterosa. Dobbiamo continuare a lavorare seguendo lo slogan del precedente Comitato: miglioramento continuo».

Un obiettivo a cui è chiamato un Consiglio quasi completamente rinnovato. Oltre a Tito Gilberti (Atletica Cinisello), unico rieletto con 891 preferenze, sono alla prima esperienza Andrea Berti (5 Cerchi Seregno), Francesca Berti (Atletica Riccardi Milano), Fabio Burattin (Atletica Virtus Senago) e Vania Franzolin (PBM Bovisio Masciago).

I binari su cui attivarsi fin da subito sono «il gruppo di lavoro dedicato ai bandi e quello del Sigma, il sistema di gestione informatico delle gare. Vogliamo ripartire al più presto con le gare e serve uno staff per gestirle. Soprattutto cercheremo i modi per far tornare a gareggiare i nostri atleti, dai master ai ragazzini».

Galimberti, impiegato in una multinazionale con passato da maratoneta da 2 ore e 33, ha contribuito a fondare e a far crescere l’Atletica Monza dopo una lunga militanza in Forti e Liberi. Guida oggi il Comitato milanese che è il più grande d’Italia comprende le province amministrative di Milano, Lodi, Monza e Brianza. Un bacino con 7.011 tesserati e 161 società.

Brianzola è anche un’altra figura chiave a livello federale: a inizio gennaio si è confermato Gianni Mauri, limbiatese, alla guida del Comitato regionale Fidal Lombardia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA