Calcio, finisce 2-2 tra Pontedera e Monza: invariato il distacco in classifica - FOTO
Monza calcio: mister Cristian Brocchi (Foto by Fabrizio Radaelli)

Calcio, finisce 2-2 tra Pontedera e Monza: invariato il distacco in classifica - FOTO

FOTO - Mentre Adriano Galliani svela la proposta a Ibrahimovic, il Monza si fa raggiungere due volte dai pisani e si mantiene a + 10 dalla diretta inseguitrice. A segno per i biancorossi Chiricò e Finotto, tra i toscani protagonista l’ex De Cenco.

Il Monza si illude due volte di poter fare 13, tanti quanti i punti di distacco virtuale dall’avversario del Mannucci di Pontedera, ma due volte viene riacciuffato. Finisce così con un 2-2 che non cambia nulla in classifica tra la squadra di Brocchi e i toscani, che restano imbattuti tra le mura amiche. In gol di vanno Chiricò con una bella punizione nel primo tempo e Finotto nella ripresa, bravo a sfruttare di testa la ribattuta su un gran destro di D’Errico. In mezzo c’era stato il pareggio momentaneo dell’ex De Cenco, autore di un gran colpo di testa a girare, e sul finale è arrivato il pari di Risaliti. Monza padrone del campo nel primo tempo, più lento e meno reattivo dell’avversario nella seconda metà di gara. Padroni di casa che lamentano anche un calcio di rigore per il dubbio contatto in area, sempre nel secondo tempo, tra Bellusci e De Cenco.

50’st - Palla liberata dalla difesa granata e l’arbitro fischia la fine del match: 2-2 a Pontedera, Monza che resta a + 10 dall’avversario, secondo in classifica.

49’st - Preziosa punizione guadagnata di forza da Finotto. IL Monza ci prova con Lepore dalla destra, poi Armellino batte forte in mezzo da due passi e guadagna l’angolo

48’ st- Clima rovente in questi minuti finali, con il Pontedera ingolosito che cerca di nuovo la via del gol. Monza chiuso nella propria metà. Angolo sulla destra per il Pontedera: la difesa del Monza libera

46’ st- Iniziato il primo dei quattro minuti di recupero. Cartellino giallo per Finotto per un intervento scomposto a metà campo

44’ st- GOL DEL PONTEDERA! Azione ancora manovrata sulla sinistra, con Ropolo inesauribile che appoggia al limite per Caponi, bravo ad allargare sulla destra e trovare la battuta a pochi passi di Risaliti, per il gol del 2-2

41’ st- Il Pontedera non si arrende e De Cenco e Tommasini cercano dimostrano di trovarsi bene, al limite dell’area biancorossa. La condizione del terreno di gioco, così come non ha aiutato i brianzoli nel primo tempo, non agevola ora neanche i toscani quando cercano di agire di fino.

39’ st- Ora Pontedera sbilanciato in avanti con il trio De Cenco, Tommasini, Semprini. La linea a quattro del Monza, in fase di ripiego, è però ordinata. Manca semmai, in questa fase, il raccordo immediato con la metà campo e sulle seconde palle.

38’ st- Reparti sfilacciati e squadre che giocano più di pancia che di tattica. Sono i padroni di casa, necessariamente, a tentare di manovrare di più. Entra anche Semprini, tra le fila dei toscani, al posto di Bernardini

36’ st- Tommasini dice che il Pontedera è ancora vivo. Cross di Ropolo dalla destra e piatto al volo per cercare l’angolo alto: palla fuori di non molto

34’ st- Se i cambi hanno premiato Brocchi, ci prova anche il Pontedera: fuori Serena, dentro Bruzzo

32’ st- GOL DEL MONZA!! L’azione era iniziata sull’asse Ropolo-Serena, sponda Pontedera, ma la ripartenza questa volta è stata del Monza. E sono proprio i subentrati Mosti a portare avanti la palla per D’Errico, che palla al piede si accentra e scaglia un destro violento che viene respinto corto dal portiere granata, con Finotto che di testa respinge in rete e riporta avanti il Monza

30’ st- Brocchi vede i suoi nervosi e cambia ancora, esaurendo i cambi. Fuori Anastasio per Marconi, out Iacolano. Al suo posto D’Errico

28’ st- Continua il forcing del Pontedera, che ha trovato il gol del pareggio dopo 15 minuti in cui aveva dimostrato di aver cambiato marcia rispetto a un primo tempo remissivo. Il Monza non è ancora riuscito a cambiare ritmo e sembra patire una maggior vivacità, in questa prima metà della ripresa, dei padroni di casa.

26’ st- GOL DEL PONTEDERA! Punizione dalla sinistra di Caponi, l’ex Caio De Cenco si arrota e di testa colpisce, spalle alla porta, spedendola accanto al palo lontano.

24’ st- Enorme occasione per il Pontedera, che affonda nella parte centrale del campo e arriva al limite, dove l’ex De Cenco è bravo a sfuggire alla coppia di centrali del Monza. Bellusci allunga il braccio e il Pontedera invoca il rigore per atterramento del brasiliano. Che si rialza, calcia e impegna Lamanna con la mano destra a respingere una palla destinata nell’angolino. Sulla ribattuta Tommasini centra il palo, ma il gioco era fermo.

22’ st- Doppio cambio per Brocchi, che cambia tutto l’attacco: fuori Gliozzi e Brighenti, dentro Finotto e Marchi

21’ st- Bernardini cerca il corridoio lungo sulla propria destra, in favore De Cenco, ma Anastasio libera in fallo laterale. Ancora il Pontedera cerca con un calcio di punizione di creare preoccupazioni a Lamanna, poi lDe Cenco di testa la butta a lato.

19’ st- Il Pontedera sceglie Calcagni, che prende il posto di Barba. Scelta offensiva che racconta bene qual è l’atteggiamento del Pontedera in questa ripresa

18’ st- Buona reazione del Monza, con sterzata di Iacolano, che mette in mezzo per Brighenti, ma la difesa locale libera in angolo. Sul corner, Mazzini libera di pugno.

16’ st- Ancora palla a ridosso dell’area monzese, con il Pontedera che perseguita nello sforzo di rimettere in parità la sfida. Serena cerca la battuta al volo, ma svirgola. Anche in questo caso, l’azione però era stata fermata un attimo prima per il fuorigioco di De Cenco

14’ st- Il Pontedera ha alzato il baricentro della propria azione e da un paio di minuti l’azione si mantiene a ridosso dell’area monzese. Risaliti tenta la botta a incrociare ma la palla è fuori di diversi metri

12’ st- Sostituzione per il Monza: esce Chiricò, autore del gol del vantaggio, per Mosti

10’ st- Occasione per il Pontedera, con Caponi che calcia dalla distanza e Lamanna che esce travolgendo in area De Cenco. Ma il gioco era fermo per posizione irregolare dell’attaccante toscano.

8’ st- Ancora Monza però a farsi pericoloso: Brighenti per Gliozzi, che spalle alla porta tenta la girata ma spedisce abbondantemente fuori.

7’ st- Pontedera comunque sceso in campo con un atteggiamento differente in questa ripresa e una maggior intraprendenza. Caponi, alla duecentesima in maglia Pontedera, con 31 anni è il più anziano della formazione di casa. E sarà proprio l’età media piuttosto bassa su cui il Pontedera cercherà di puntare per alzare il ritmo sino al 90esimo.

5’ st- Fallo di Armellino e giallo per un’entrata dura nella corsia destra difensiva del Monza

4’ st- Buon rientro in campo per il Monza, con una prolungata azione nei pressi dell’area granata e Anastasio stesso che dalla sinistra taglia in mezzo. Brighenti si getta sul primo palo ma manca l’impatto con la palla.

2’ st- Ma sono tanti i temi di interesse di questa partita, che ha ancora una sua metà da raccontare. Oltre che un’eco politico-istituzionale che fa da sottofondo, con la squadra dell’ex presidente del consiglio, Silvio Berlusconi, e quella dell’ex Presidente della Repubblica, Giovanni Gronchi, pontederese doc e sepolto nel vicino cimitero della Misericordia. Chissà se stanno pensando a questo i tanti tifosi sulle tribune, mentre il gioco è subito interrotto per un doppio fortuito scontro di gioco che ha lasciato a terra, per il Monza, Anastasio.

1’ st- Squadre di nuovo in campo per il secondo tempo e in attesa del calcio d’inizio, con il Pontedera chiamato a fare qualcosa di più per cercare di riaprire partita e campionato. Del resto, questo Pontedera che punta in alto nel girone A di Lega Pro è per certi versi figlio di quello che nel 1994, ai tempi in C2, sconfisse la Nazionale di Arrigo Sacchi che da lì a due mesi sarebbe volata negli States per i Mondiali, poi persi ai rigori con il Brasile di Romario e Bebeto ai Pasadena.

45’ pt- Un solo secondo oltre il primo trequarti d’ora di gara e per l’arbitro Marchetti di Olbia non c’è altro da recuperare.Fine del primo tempo.

42’ pt- Davvero al limite della praticabilità il terreno di gioco, con i biancorossi divenuti bianco-marroni, per via dell’eccesso di fango che lorda l’immagine candida della capolista. Campo di gioco instabile e sicuramente non buon partner per i tentativi di palleggio del Monza, che si avvia alla fine del primo tempo con un possesso palla nettamente superiore a livello di minutaggio



40’ pt- Brivido questa volta per Lamanna, su un nuovo traversone dalla trequarti. Il portiere ospite prende male il tempo su Caponi e non trattiene in presa alta, ma Lepore fa buona guardia e impedisce a Caponi di riprendere palla una volta che tocca terra

38’ pt- Prima palla per Lamanna, che in presa alta non ha difficoltà a raccogliere un calcio di punizione calciato male dai centrocampisti pisani. Anastasio prima e Rigoni poi, sulla ripartenza del Monza, cercano di trovare fortuna in area avversaria, ma la squadra schierata ha facilità nell’intercettare

36’ pt- Bella giocata per De Cenco, che con un sombrero si libera di Anastasio e calcia forte a mezza altezza in mezzo all’area, senza trovare il tap-in di Serena

35’ pt - Cartellino giallo per Scaglia per intervento a metà campo

33’ pt- Iacolano si guadagna un calcio di punizione in fase centrale.Ma Scaglia calcia lungo e nessuno riesce a raccogliere l’invito

30’ pt- Il Monza continua nel suo tentativo di snidare i toscani, arroccati nella parte bassa della propria metà campo. Scaglia e Bellusci diventano i primi registi per Brocchi. Buon fraseggio al limite tra Anastasio e Iacolano, che tenta di chiudere di tacco la triangolazione. Il campo, davvero in pessimo stato, fa abortire il tentativo

28’ pt- Ancora Anastasio dalla sinistra, ma il Pontedera chiude e riparte in contropiede, trovandosi addirittura in superiorità numerica, ma Ropolo non è preciso in appoggio e la palla si perde oltre la linea laterale

25’ pt - Buon lavoro di cerniera di Chiricò, primo in chiusura e in appoggio alla fase di impostazione della difesa, ma anche punto di riferimento nelle ripartenze dei biancorossi. Partita che sin qui vive di ritmi non particolarmente alti, con il Monza che ha ampio spazio di manovra in fase di impostazione. Ci prova anche Anastasio da fuori area, ma la squadra di Maraia, disposta a difesa della propria area, rimpalla

22’ pt- De Cenco, tre gol al Lecco nell’infrasettimanale, fatica ancora a prendere le misure ai difensori ospiti, con Bellusci e Scaglia che restano vicini e protetti sulle fasce da Anastasio e Lepore

20’ pt- Caponi della destra alza bene per il centro area, ma Bellusci libera di testa.

18’ pt- Gioco fermo per un contrasto tra Ciricò e Caponi sugli sviluppi di un fallo laterale.

16’ pt- Palleggio del Monza sulla linea difensiva, con il Pontedera che cerca una reazione in realtà un po’ timida. Bellusci impreciso nel disimpegno, ma i locali non ne approfittano

14’pt - GOL DEL MONZA! Armellino cerca il doppio passo e guadagna una punizione dai trenta metri, leggermente defilato sulla destra. Chiricò parte e di sinistra infila sul palo lungo

12’ pt- I padroni di casa cercano le ripartenze in contropiede, con Caponi per Barba nel fraseggio stretto, ma la difesa del Monza fa buona guardia

10’ pt- Il Monza continua le possesso palla, cercando di far uscire dalla propria trequarti il Pontedera

7’ pt- Terreno pesante, quello del Mannucci di Pontedera. Dalle due parti del guado, ci sono la capolista e la più diretta inseguitrice in classifica. Qui dove l’Era si tuffa nell’Arno, per il Monza più che il passaggio sul ponte millenario degli Upezzinghi c’è in palio la conquista della sponda che si affaccia sulla Serie B.

5’pt- Buona iniziativa di Chiricò sulla sinistra che taglia verso il centro, ma Gliozzi non impatta. Una bella reazione dei biancorossi, dopo che sin qui s’era fatto vedere l’ex di turno, Gianluca Barba, 16 presenze lo scorso anno proprio in Brianza

3’pt- Subito Monza intraprendente e primo calcio d’angolo, con Piana che devia in corner un traversone dalla destra. Sugli sviluppi, difesa locale indecisa nel liberare e primi affanni per il Pontedera

2’pt- Ropolo rientra nella linea difensiva dei toscani. Per il Monza, Paletta solo in panchina

1’pt- Partiti. Ma il direttore di ara fa ribattere. Prima palla al Monza

Pontedera ancora imbattuto in casa.

Ecco gli undici ufficiali al fischio d’inizio
Pontedera: Mazzini, Risaliti, Piana, Benassai, Bernardini, Serena, Caponi, Barba, Ropolo, Tommasini, Cenco.
Monza: Lamanna, Lepore, Scaglia, Bellusci, Anastasio, Armellino, Rigoni, Iocolano, Chiricò, Gliozzi, Brighenti.

Pochi secondi prima dell’inizio ha fatto arrivo allo stadio Adriano Galliani.

Ma ci sono state altre occasioni mancate per ricucire il gap: nel giorno dell’harakiri monzese con il Renate e della vittoria biancorossa svanita in pieno recupero, il Pontedera s’è fermato a Gozzano per un 2-2. Due settimane dopo, mentre il Monza rallentava in casa con la Carrarese, sempre con un 2-2, i toscani perdevano in casa di Zaffaroni, con l’Albinoleffe. La stagione del Pontedera ha avuto il proprio nadir nel 4-0 patito dal Renate e nella sconfitta di Como, per 2-0, del 19 ottobre. Poi anche un pari casalingo per 2-2 con la Pergolettese.

 Lo scarto in classifica tra brianzoli e pisani è figlio innanzitutto della frenata del Pontedera a settembre, quando ha infilato uno dietro l’altro i pareggi interni con Novara e Pro Vercelli, intervallato dall’1-1 fuori casa con la Juventus U23.

Scontro al vertice proprio nel giorno in cui è emersa la pazza idea di Adriano Galliani, su assist di Silvio Berlusconi: un contratto di due anni e mezzo per Zlatan Ibrahimovic al Monza. Intervistato dal Corriere della Sera, l’ad biancorosso ha rivelato il retroscena della proposta all’agente dello svedese Raiola, che gli avrebbe consigliato di parlarne direttamente con il giocatore.

Intanto Brocchi recupera tutti, a eccezione del lungo degente Palazzi. Si gioca alle 17.45, con fischio d’inizio ritardato di quindici minuti su tutti i campi per decisione della Lega Pro per chiedere al Governo “la defiscalizzazione mirata al reinvestimento delle somme nella formazione dei giovani calciatori e nelle infrastrutture”, ha spiegato il presidente Ghirelli.


© RIPRODUZIONE RISERVATA