È morto David Bowie: addio al Duca Bianco

È morto David Bowie: addio al Duca Bianco

David Bowie è morto. Aveva compiuto 69 anni l’8 gennaio; lo stesso giorno aveva pubblicato “Blackstar”, il suo venticinquesimo album in studio. In una vita mai banale e in continua trasformazione, Bowie ha saputo stupire fino alla fine. Alcuni video che hanno fatto la storia.

David Bowie è morto. Aveva compiuto 69 anni l’8 gennaio; lo stesso giorno aveva pubblicato “Blackstar”, il suo venticinquesimo album in studio: l’ultimo di una carriera lunghissima. E il video del singolo “Lazarus” in cui sembra risorgere. La mattina di lunedì 11 gennaio la famiglia attraverso i social network ha reso nota la notizia: il Duca Bianco è scomparso nella notte “dopo 18 mesi di coraggiosa battaglia contro il cancro”.

January 10 2016 - David Bowie died peacefully today surrounded by his family after a courageous 18 month battle with...

Posted by David Bowie on Sunday, 10 January 2016

LEGGI “Where are we now?”: il ritorno sulle scene di Bowie nel 2013

In una vita mai banale e in continua trasformazione, Bowie ha saputo stupire fino alla fine. E dire che ha fatto la storia della musica, pop-rock-tutta, non è una bugia.

«David Bowie è stato il Picasso del pop – ha scritto la Bbc - Era un artista innovativo, visionario, inquieto: l’ultimo postmodernista in continua evoluzione».

Nato nel 1947, aveva cominciato a suonare da ragazzo e aveva raggiunto il primo successo alla fine degli anni ’60 con Space Oddity. Primo gradino di una carriera che poi l’avrebbe visto sperimentare in ogni angolo della musica. Un eroe dell’arte come gli “heroes”, quelli per un giorno o per tutta la vita, quelli che possono cambiare il mondo. O almeno possono provarci. Da David Bowie a Ziggy Stardust al Duca Bianco. E ritorno. Per sempre.

Space oddity (1969)

Starman (1972)

Heroes (1977)

Absolute beginners (1984)

Lazarus (2016)


© RIPRODUZIONE RISERVATA