Sabato 05 Maggio 2012

Secret rock party
al Bloom in festa

Lo Special rock party a sorpresa è fissato per giovedì 10 maggio. Il nome del gruppo che festeggerà i primi 25 anni del Bloom resta ancora un segreto, ma a Mezzago hanno voluto lanciare un messaggio: «Se vi siete fidati di noi in questi anni, fidatevi ancora e prenotatevi». Ed è vero, fidatevi.
L'unico indizio concesso è che sul palco ci sarà «una grande band» (italiana) molto, molto (ma tanto) vicina al locale. La festa inizierà alle 22 con l'apertura delle porte, alle 23 via al concerto. Poi "happy birthday to Bloom" con torta e spumante.
L'ingresso è limitato a 500 posti e i biglietti, sottoscrizione a partire da 15 euro, si possono prenotare in libreria o sul circuito Happyticket (www.happyticket.it).

Una grande festa per il primo quarto di secolo del locale inaugurato il 16 maggio 1987 e che negli anni si è ritagliato uno spazio d'onore nel panorama della musica indipendente internazionale. Perché in questo spicchio di Brianza illuminata hanno suonato i Nirvana per quel concerto del '91 che tutti ricordano (ma c'erano stati anche nell'89), ma anche Green day e Motorpsycho (nove volte, l'ultima col sold out del 25 aprile) e poi Steve Wynn (ancora quest'inverno), Sepultura, Enrico Rava, Fabio Treves, Africa Unite, Afterhours, Subsonica, Giuliano Palma, Verdena. E Modena City Ramblers. E poi un elenco lunghissimo di nomi rock, heavy, blues, jazz.

Ma la festa non finisce giovedì. Continua in un calendario che già da gennaio sta regalando le sue chicche. Venerdì 11 maggio la serata “God save the Bloom” si presenta come uno dei più grandi festival punk italiani. «Chiami gli amici per una festa e poi...» dicono gli organizzatori: ci saranno Punkreas, Derozer, Vallanzaska, De Crew, Gerson, Water Tower, Hate seconds più uno special guest. Tutto gratuito dalle 22.
Sabato 12 maggio, “Happy birthday to me” party rock n'roll con Demons at play (Dedo e Roberta Sammarelli dei Verdena), Ganja cookies e dj set del dottor Davide Facchini e dj Macksim (alle 22, ingresso gratuito).

Domenica 13, alle 18, la musica in parole per la presentazione del libro "Sviluppi incontrollati - Bloom, crocevia del rock" curato da Aldo Castelli, presidente della cooperativa sociale Il Visconte di Mezzago, e dal giornalista Massimo Pirotta. Oltre quattrocento pagine di ricordi e fotografie con i contributi di chi ha scritto un pezzetto di storia del Bloom e i programmi di concerti ed eventi.

Fino all'unica data italiana dei Lemonheads, il 18 maggio, per i vent'anni di "It's a shame about Ray" (biglietti 15 euro) e al concerto dei Mudhoney, il 21 maggio (20 euro), inventori - dicono i critici nelle biografie - del grunge e precursori di icone come Nirvana, Pearl Jam e Soundgarden.
Chiara Pederzoli

c.pederzoli

© riproduzione riservata

Tags