Respira, gioca, canta e sorridi: così noia e ansia scappano via
Un dettaglio della copertina del ilbro di Barbara Franco

Respira, gioca, canta e sorridi: così noia e ansia scappano via

Barbara Franco, con l’aiuto della psicologa Stefania Rotondo, ha scritto un libro con 4 storie che aiutano i bambini a superare anche il lockdown con la mindfulness

Noia? Ansia? Iperattività? Ne soffriamo un po’ tutti in questo periodo e i bambini non ne sono esclusi, anzi, loro spesso non capiscono da cosa derivi il disagio che provano, dovendo restare più tempo in casa e non potendo incontrare i compagni di scuola.

Forte di questa consapevolezza, e soprattutto di protocolli di mindfulness per bambini adattati alle loro esigenze e testati, Barbara Franco ha creato il libro “Il superpotere della mindufulness” per genitori e bambini dai 3 ai 6 anni editore Gribaudo.

Un libro fatto di teoria e pratica, attraverso giochi da giocare in casa e all’aperto con materiale di uso comune, e realizzato con la collaborazione dell’Istituto Italiano per la mindfulness nella collana Quid+, creata dalla stessa Franco, per Gribaudo.

«Un lavoro partito dall’adattamento della mindfullness, vista di solito come pratica per gli adulti, i cui protocolli sono stati adattati per i bambini - spiega Barbara Franco - In questo caso attraverso la consulenza di Stefania Rotondo che è psicologa in protocolli per l’età evolutiva. Abbiamo utilizzato solo metodi scientificamente provati. Io sono di formazione un ingegnere e mi definisco una mamma “scientifica”, faccio ricorso a quello che è scientificamente provato. In questo libro abbiamo tenuto conto, ad esempio, del fatto che i bambini hanno una soglia di attenzione più bassa e che la loro esperienza passa più dai 5 sensi e meno dall’astrazione».

Ma cosa significa usare la mindfulness per i bambini, soprattutto in tempo di crisi.

«Finalmente ora abbiamo metodo e pratiche dedicate al mondo dei bambini, dai 3 ai 6 anni, che li aiuta a comprendere la possibilità, attraverso dei giochi semplici, e da fare con materiale che si trova in casa, di distaccarci dai nostri pensieri che spesso ci sopraffanno e ci fanno preoccupare. Attraverso questo percorso, indicato nel libro, invitiamo i bambini a riflettere, con i giochi sensoriali, sul fatto che non esistono emozioni negative, ma emozioni facili e difficili. Ci sono 48 pagine con 4 racconti dedicati a 4 emozioni difficili che aiutiamo a gestire». Gestione che non va fatta mai da soli: «la filosofia di Quid+ è che la crescita va fatta insieme, genitori e figli. Quando le scuole erano ancora aperte mio figlio, prima elementare, era disturbato dal frastuono in sala mensa, non ci voleva andare e io ero preoccupata. Con giochi di mindfulness ha imparato con me esercizi di respirazione e immaginazione e, a distanza di due o tre settimane, se li è rielaborati da solo e ha trovato la sua risposta. Un giorno mi ha detto di aver risolto il suo timore così: “prima di entrare ho fatto respiri profondi e poi sono entrato mettendomi a cantare”. Così ha distratto la sua mente dal rumore che era il suo problema con un atteggiamento per lui piacevole». Ma i disagi per i bambini si acuiscono in tempo di Covid. «La psicologa mi ha confermato che in questo periodo, nelle zone più colpite dal virus, dove il contesto familiare è toccato dalla morte, alcuni bambini non riescono a dormire. Del resto, i bambini sono spesso il nostro specchio».


© RIPRODUZIONE RISERVATA