Lunedì 30 Maggio 2011

Alla Tritium anche la Supercoppa
Grande festa al nuovo ''La Rocca''

Trezzo sull'Adda - La Tritium vince senza gol. Nella sfida che ha assegnato la Supercoppa, la squadra di mister Vecchi ha pareggiato col Carpi e ha sfruttato il successo di Latina, dieci giorni fa nella prima sfida della poule scudetto. E da autentica rivelazione della Lega Pro seconda divisione, promossa al primo anno nella categoria, ha alzato il trofeo con quattro punti in classifica. In una partita comunque brillante, da segnalare un gol annullato a Sinato per la Tritium e a Poli per il Carpi.
Allo scadere il portiere ospite Mandrelli ha parato un rigore dello specialista Dionisi.

Dopo la partita il sindaco di Trezzo Danilo Villa ha scoperto la targa con inciso il nuovo nome dello stadio, rinnovato ad hoc, a inizio stagione calcistica, per le gare della Tritium: si chiamerà "Stadio La Rocca" dalla denominazione della storica cascina, proprio lì a due passi, che al centro ha una rocca di osservazione che si dice essere coeva del castello visconteo. La decisione è avvenuta sia grazie a una specie di referendum popolare avviato dall'amministrazione comunale tramite il giornale informatore del municipio, sia dalla società sportiva stessa nel proprio sito web. La scelta è caduta sul nome della località, ma c'era anche chi proponeva il nome di un giocatore storico della Tritium, Mario Barzaghi. “La Rocca” sostituirà il vecchio nome con cui i trezzesi più in età chiamavano il campo sportivo (e che in molti usano tuttora): "La pista".

Tritium Calcio 1908-Carpi 0-0
Tritium Calcio 1908: Pansera; Fondrini, Malgrati, Dionisi, Riva; Floriano, Vecchio, Di Ceglie, Bortolotto E. (63′ Chimenti), Bortolotto R. (79′ Chimenti); Sinato (91′ Teso). (a disp. Sacchetto, Bertoli, Valtulini, Mapelli) All. Vecchi
Carpi F.C. 1909: Mandrelli, Di Martino, Poli, DAscoli, Caselli (79′ De Souza); Cenetti (87′ Nicolini), Perini; Fabiano; Cesca, Cicino. (a disp. Bastianoni, Guilouzi, Ferrarini, Peron). All. Sottili
Arbitro: sig. Bolano di Livorno

c.pederzoli

© riproduzione riservata