Venerdì 04 Dicembre 2009

Seregno: per lo stadio Ferruccio
domenica nuova inaugurazione

Seregno - Un monumento sportivo, qual è lo stadio Ferruccio, viene riconsegnato alla città, domenica 6 dicembre, alle 15, con una cerimonia ufficiale di inaugurazione, dopo un lungo restauro conservativo in cui è stato recuperato l’aspetto originario.
I lavori per la costruzione dello stadio, affidati all’impresa seregnese Sala e Galimberti, iniziarono nel 1934 per volere del commendator Umberto Trabattoni che intendeva dedicare la struttura al figlio Ferruccio scomparso a seguito di un incidente all’età di 7 anni. I lavori si conclusero nel 1935, per un costo di 850mila lire. Umberto Trabattoni nel 1937 lo cedette al comune. "Negli spogliatoi dello stadio – ha detto il sindaco Giacinto Mariani - c’è una targa che ricorda gli allenamenti della Nazionale di calcio italiana sul terreno del Ferruccio, omaggio a Vittorio Pozzo dopo il trionfo al campionato mondiale del 1938 a Parigi. Da qui, dal recupero dell’importante passato sportivo dello stadio, siamo partiti per costruire il nuovo ‘vestito’ del Ferruccio.”
Dall’intonaco ai serramenti, fino ai colori della facciata, del portico e delle colonne: l’intero progetto è stato approntato con l’obiettivo di portare nel presente la storia del Ferruccio. A partire dalla facciata, con il rifacimento dei serramenti esterni, che riprendono nella forma, quelli degli anni Trenta, e con l’uso di un intonaco particolare, il “terranova”, di colore ocra, utilizzato all’epoca della costruzione del Ferruccio. Anche i colori del portico e delle colonne riprendono i toni originali: rosso per il primo e azzurro per le quattro colonne.
Di fronte alle colonne sono stati posti quattro nuovi pilastri, inseriti nella nuova recinzione, su cui sono state posate quattro sculture cilindriche bronzee dello scultore Giuseppe De Feo, che raffigurano personaggi illustri dello sport locale di tre discipline: atletica, ciclismo e calcio. Nuovo look anche per il settore A, quello della tribuna principale. Tutti i posti a sedere circa 1.700 sono numerati con seggiolini nella parte coperta e assicurano ad ogni spettatore il posto riservato. La pavimentazione delle aree di accesso è di lastre di serizzo, mentre è stato installato un nuovo impianto di illuminazione esterna per le facciate e la tribuna.
E’ stata anche realizzata un’area di servizio esterna all’impianto, costituita da spazi scoperti delimitati in modo tale da essere liberi da ostacoli al deflusso degli spettatori e garantire così un rapido sfollamento. Tutti gli interventi sono stati realizzati con l’obiettivo di omologare l’impianto sportivo per future competizioni calcistiche di serie C2.
Paolo Volonterio


 

p.cova

© riproduzione riservata