Assolombarda, il calcio  e Russia 2018: in mostra la Champions e la Coppa del Mondo made in Paderno
Assolombarda espone la Champions League e la Coppa del mondo made in Paderno Dugnano: Valentina Losa, amministratore unico di Gde Bertoni, con Carlo Bonomi

Assolombarda, il calcio e Russia 2018: in mostra la Champions e la Coppa del Mondo made in Paderno

Le nuove protagoniste del viaggio di Assolombarda negli oggetti simbolo dell’industria italiana (e lombarda) sono ben note al grande pubblico: nella sede di via Pantano a Milano ci sono la Champions League e la Coppa del Mondo, che nascono a Paderno Dugnano.

Le nuove protagoniste del viaggio di Assolombarda negli oggetti simbolo dell’industria italiana (e lombarda) sono ben note al grande pubblico e una per un mese terra banco, anche se l’Italia ai Mondiali 2018 non c’è (squadre in campo da giovedì 14 giugno a domenica 15 luglio 2018).

Nella sede di via Pantano a Milano ci sono la Champions League e la Coppa del Mondo e sono in mostra in quanto “Forse non tutti sanno che…” (il titolo dell’iniziativa, ndr) che nascono a Paderno Dugnano. Dopo la “Schiscetta” firmata Caimi Brevetti di Nova Milanese e la Gazzetta dello Sport.

I due trofei più ambiti del panorama calcistico internazionale sono realizzati dalla Gde Bertoni di Paderno. In mostra la Coppa della Uefa Champions League e l’originale calco in gesso della Coppa del Mondo Fifa, da cui si ottiene lo stampo e la cera per riprodurre il trofeo.

Assolombarda espone la Champions League e la Coppa del mondo made in Paderno Dugnano: Valentina Losa, amministratore unico di Gde Bertoni, con Carlo Bonomi

Assolombarda espone la Champions League e la Coppa del mondo made in Paderno Dugnano: Valentina Losa, amministratore unico di Gde Bertoni, con Carlo Bonomi

“La Coppa della Uefa Champions League e la Coppa del Mondo FIFA sono due oggetti simbolo del calcio internazionale, entrati nell’immaginario collettivo di tutti gli appassionati e non solo - ha dichiarato Carlo Bonomi, presidente di Assolombarda - Poterli ospitare nella casa degli imprenditori di Confindustria, che sono i campioni nazionali nell’industria e nei mercati europei e mondiali, è per noi motivo di grande orgoglio. E, a due giorni dall’inizio del Torneo di Russia 2018, abbiamo pensato di rendere omaggio a un’eccellenza tutta italiana come la G.D.E. Bertoni. Un’impresa a tradizione familiare con una storia di successo alle spalle che, grazie a creatività e innovazione, ha saputo farsi conoscere e apprezzare nel mondo per la qualità delle sue produzioni uniche e su misura”.

Nata a inizio ‘900 come bottega artigiana, la Gde Bertoni ha saputo trasformare in materia un sogno chiamato vittoria. Nascono così i molti trofei realizzati dall’impresa di Paderno Dugnano, in provincia di Milano, che nel 1971 si è aggiudicata il concorso internazionale per la creazione della nuova “Coppa del Mondo”.

Il progetto, firmato dal maestro scultore Silvio Cazzaniga e direttore artistico di Bertoni, rappresenta la gioia e la grandezza dell’atleta nel momento del trionfo, l’esaltazione della vittoria. Nella sua versione originale in oro 18 carati, la coppa misura 36,8 cm per 6,2 kg. La base è cinta da due bande di malachite e sotto sono incisi i nomi dei vincitori della coppa dal 1974 a oggi.

La “Coppa dalle grandi orecchie”, assegnata al vincitore della UEFA Champions League, è realizzata dall’artigiano argentiere Guerrino Giorgi. Il trofeo, che l’azienda produce da oltre trent’anni, è in argento ed è alto 73 cm e pesa 8 kg.

Le uniche squadre a possedere l’originale sono Real Madrid, Ajax, Bayern Monaco, Milan e Liverpool. Infatti una regola introdotta nella stagione 1968/69 permetteva di consegnarla ai club con 5 vittorie totali o 3 consecutive in Champions League. Dal 2009, invece, il trofeo rimane all’UEFA mentre alle squadre vincitrici viene data una replica. Avviene la stessa cosa anche per la Coppa del Mondo, il cui originale è conservato dalla FIFA salvo tornare presso la Gde Bertoni che ne cura ancora oggi la manutenzione prima di ogni importante evento.

Sono ospitati in una teca Goppion, azienda di Trezzano sul Naviglio, fornitrice dei principali allestimenti museali del mondo. Conserva ad esempio la Gioconda, l’Uomo Vitruviano, i Gioielli della Corona d’Inghilterra, i Rotoli del Mar Morto, diverse copie della Magna Carta, due dei tre originali della Costituzione Italiana, il Messia di Stradivari e il cavallo di Napoleone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA