Vimercate: le nuove telecamere inquadrano 150mila auto al giorno in ingresso in città
videosorveglianza Vimercate centrale operativa polizia locale

Vimercate: le nuove telecamere inquadrano 150mila auto al giorno in ingresso in città

Sono 32 gli occhi in più puntati su Vimercate, accese da settembre 2020. Collegate con la polizia locale permettono di intervenire su più ambiti (come gli assembramenti). E hanno contato una media di 150mila auto in ingresso al giorno in città.

Sono 32 gli occhi in più puntati su Vimercate: una visuale aggiunta di grande impatto se dall’altra parte del cannocchiale c’è il comando di Polizia locale. In questi primi quattro mesi di operatività il nuovo sistema di videosorveglianza, acceso a settembre, ha già dato prova di poter fare la differenza. In più contesti. Dal tradizionale monitoraggio del traffico all’esatta ricostruzione dei sinistri, dalla sicurezza del territorio alla stima dei flussi viabilistici.

LEGGI Piazza Marconi di Vimercate a misura di bicicletta: si parte dalla stazione dei bus

Fino a note di più stretta attualità: l’intervento degli agenti per evitare assembramenti e comportamenti in contrasto con le misure di contenimento della pandemia da Covid 19. È accaduto che gli agenti siano intervenuti in centro città quando le telecamere hanno mostrato qualche gruppo un po’ troppo ravvicinato di persone.

A consentire questo margine di manovra è il sistema integrato di sedici telecamere dedicate alla lettura targhe e di altrettanti dispositivi di osservazione dei luoghi, con elevata capacità di dettaglio. Una rete destinata a crescere ancora, con un ulteriore lotto di installazione che amplierà la copertura al 75 per cento del territorio, con il controllo di tutte le vie di accesso alla città e della quasi totalità dei quartieri.

«Nei primi mesi di utilizzo, il sistema di videosorveglianza ha evidenziato molteplici utilità e lascia presagire grandi potenzialità, anche in vista dell’avviato percorso di ulteriore implementazione dello stesso sistema – spiega Vittorio De Biasi, comandante della Polizia locale - Sul piano della sicurezza il sistema integrato di telecamere di osservazione e di lettura targhe consente di ricavare dati sull’attraversamento di veicoli utilizzati nell’ambito di attività illecite sia correlati ad attività vaste d’indagine, anche da analizzarsi in relazione ai dati di videosorveglianza di altri Comuni, sia ad attività di indagine più mirata per fatti accaduti nel territorio comunale o in contesti prossimi».

Dall’attivazione del sistema (inizi di settembre 2020) al 31 dicembre sono state verificate, su richieste di altre forze di polizia, 65 situazioni relative al passaggio di veicoli sospetti sulle strade comunali, mentre dodici sono state analoghe situazioni verificate nei primi 18 giorni del 2021.

In tema di traffico, i numeri fotografati dalla quindicina di varchi di accesso attivati sono significativi, pur al netto di alcune sovrapposizioni di passaggio dello stesso veicolo su più varchi di ingresso: giovedì 14 gennaio sono stati 150mila i veicoli conteggiati in ingresso, venerdì 157mila e sabato 16 gennaio 125mila.

«Disporre di questi dati consente, nel tempo, di valutare anche l’evolvere delle abitudini dell’utenza rispetto agli spostamenti, la connotazione del traffico di attraversamento e di quello locale e di prefigurare l’impatto di eventuali modifiche dell’assetto viabilistico», conclude il comandante.


© RIPRODUZIONE RISERVATA