Vimercate, il comitato gioca la carta della Soprintendenza per salvare gli alberi di via Rota
Oreno Cantiere via Rota (Foto by Fabrizio Radaelli)

Vimercate, il comitato gioca la carta della Soprintendenza per salvare gli alberi di via Rota

Il comitato “Salviamo il viale” continua la sua battaglia: ha consegnato un plico di documenti è stato consegnato al soprintendente per modificare il progetto di via Rota a Vimercate.

Un grosso plico di documenti è stato consegnato al soprintendente Giuseppe Stolfi per modificare il progetto di via Rota a Vimercate e soprattutto tutelare il viale del cimitero di Oreno al centro di una lunga discussione. Il dossier è stato inviato mercoledì 3 marzo dal comitato “Salviamo il viale” che da diversi mesi cerca di far cambiare idea all’amministrazione Sartini sul piano d’intervento che sta procedendo con l’abbattimento delle piante e la creazione di due ciclopedonali su entrambi i lati.

LEGGI Il Pd di Vimercate chiede un nuovo incontro sul cantiere di via Rota a Oreno. Ma intanto il progetto cambia

«Abbiamo voluto dare alla Soprintendenze Archeologia, Belle Arti e Paesaggio tutti quegli elementi per conoscere il valore storico di quella strada che collega Vimercate a Oreno e fa entrare i passanti nel borgo – ha fatto sapere il comitato - Ci sembrava corretto nel nostro stile assolutamente collaborativo di informare l’ente su quanta storia e quanti vincoli sussistono su quest’area, che a nostro parere l’amministrazione comunale non ha evidenziato abbastanza. Mettendo tutti questi elementi in campo chissà che qualcosa non possa cambiare?».

Un’ipotesi che per ora può rimanere tale infatti al momento non si conosce né se Stolfi dopo aver letto dossier formulerà qualche risposta e in quali tempi. Tra l’altro va anche sottolineato che il Comune prima di riqualificare l’area ha proprio chiesto il benestare della Soprintendenza e i lavori procedono. Solo il tempo potrà dire se il progetto di via Rota subirà modifiche oppure no. Intanto il comitato ha raccolto anche oltre 650 firme per dire no al progetto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA