Veduggio, ammazza i genitori

colpendoli con un vaso di cristallo

Veduggio, ammazza i genitori  colpendoli con un vaso di cristallo

Ha ucciso i genitori, colpendoli con un vaso di cristallo, intorno alle 20.30 di venerdì e poi ha chiamato il 112 facendosi arrestare dai carabinieri. Il duplice omicidio in via Dante a Veduggio con Colzano.

Ha ucciso i genitori intorno alle 20.30 di venerdì e poi ha telefonato ai carabinieri autodenunciando in maniera confusa quello che aveva appena fatto. In via Dante 10, a Veduggio con Colzano, si è consumato un duplice omicidio familiare, il secondo in Brianza dopo quello di Paina di martedì sera. Vittime, questa volta, un uomo e una donna, Vincenzo La Mendola e Angelina Incannella, rispettivamente di 75 e 79 anni, che sono stati uccisi dal loro unico figlio, Giuseppe La Mendola, 40 anni, seguito dai servizi sociali veduggesi: definito da tutti come un ragazzo con problemi ma comunque tranquillo.

Leggi Brianza, uccide i genitori e chiama i carabinieri: “Sono stato io”

Dalle prime ricostruzioni sembra che l’omicida abbia utilizzato un vaso di cristallo di vetro molto pesante con il quale ha colpito i due genitori ferendoli mortalmente. Sul posto i carabinieri del Nucleo radiomobile di Seregno e i tecnici della scientifica che stanno cercando di capire come siano andate esattamente le cose.

Il figlio omicida, che da tempo non lavorava, era già stato portato via in ambulanza per un trattamento sanitario obbligatorio nella serata di giovedì ma nessuno avrebbe mai immaginato un epilogo del genere. Anche perché il 40enne, pur con i suoi problemi, non è mai stato violento, né si era mai dimostrato pericoloso. Tutto il quartiere si è riversato in strada e i vicini di pianerottolo non hanno sentito nessun rumore particolarmente allarmante. Sul posto anche il sindaco di Veduggio Gerardo Fumagalli, il vicesindaco Augusto Degli Agosti e il parroco don Antonio Bertolaso che ha potuto dare un’estrema unzione ai defunti solo dall’esterno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA