Varedo: dopo dieci anni ripartono i lavori di restauro di Villa Agnesi
VAREDO - Ruspe in azione per cancellare dieci anni di sterpaglie incolte

Varedo: dopo dieci anni ripartono i lavori di restauro di Villa Agnesi

A Varedo ripartono dopo dieci anni esatti di stop i lavori di restauro di Villa Agnesi e delle sue cascine agricole.Tracciato il cronoprogramma.

Ritorno al futuro. A Varedo ripartono dopo dieci anni esatti di stop i lavori di restauro di Villa Agnesi e delle sue cascine agricole. Era l’ormai lontano 2011 quando il cantiere del Piano integrato di intervento che avrebbe dovuto riportare agli antichi splendori la dimora di campagna preferita della scienziata e benefattrice Maria Gaetana Agnesi, si arenò e – dopo il fallimento dell’impresa edile che stava realizzando i lavori – non ripartì più.

Ora, Fabrizio Figini ha potuto pronunciare le parole che attendeva di dire da ormai 120 mesi: «Ci siamo – annuncia con soddisfazione il vicesindaco e assessore all’Urbanistica -. Finalmente possiamo ripartire e portare a compimento il primo lotto di lavori. Per farcela abbiamo dovuto affrontare un duro contenzioso legale. Non abbiamo mai rinunciato a fare valere i diritti dei varedesi, riportando nelle casse del Comune le prime fideiussioni da due milioni di euro. Altre sono in arrivo per altrettanti due milioni di euro. Sono soldi che utilizzeremo per il rilancio di questo luogo altamente simbolico per la memoria storica e il nostro territorio».

Una volta tanto, non si tratta di un annuncio. Perché i lavori in realtà sono già iniziati. Venerdì scorso è stata estirpata l’enorme massa di sterpaglie e di erbacce – alte fino a tre metri – che avevano invaso il cortile centrale fino a farlo scomparire. Per vincere piantumazioni di vastità enorme e radicate ovunque da ormai dieci anni, è stato necessario l’impiego di tre ruspe.

Per la prima volta dopo anni la struttura della villa e delle cascine è riapparsa agli occhi dei varedesi. Il cronoprogramma dei primi interventi è già tracciato.

VAREDO - Cancellati dieci anni di incuria e di boschi incolti

VAREDO - Cancellati dieci anni di incuria e di boschi incolti

«Ora la priorità – aggiunge Figini – è di fare una ricognizione nella parte già ristrutturata. Dopo dieci anni di abbandono e di incuria, è necessario accertare in che stato siano i muri, ma anche l’impianto elettrico e quello del riscaldamento e dell’acqua». Si sa che purtroppo per anni il cantiere – in stato di totale abbandono – ha subito i saccheggi dei ladri che hanno rubato caldaie, caloriferi, pluviali di rame e perfino i cavi elettrici.

Il passo successivo sarà completare i restauri: montati i pavimenti, le finestre e le porte, il primo dei tre gruppi di cascine, trasformato in mini-appartamenti, diventerà la residenza degli ultimi, anziani fittavoli della famiglia Agnesi, che qui aveva una tenuta agricola circondata da circa tremila pertiche di campi coltivati. Poi, un passo dopo l’altro, saranno restaurati gli ultimi lotti di cascine. E, infine, il corpo centrale della Villa: «Quel che è certo – anticipa Fabrizio Figini – è che il rischio di perdere questo bene storico ora non c’è più. Ora Villa Agnesi e le sue cascine hanno di nuovo un futuro».


© RIPRODUZIONE RISERVATA