Varedo: dodici arresti nella Gomorrakech dell’ex Snia
Armi in pugno all’ex Snia di Varedo

Varedo: dodici arresti nella Gomorrakech dell’ex Snia

VIDEO - FOTO Come Gomorra, anzi Gomorrakech: battaglia a colpi di fucili e pistole per controllare lo spaccio nell’ex Snia di Varedo, la fortezza della droga. Sono dodici le persone, in larga parte di origine nordafricana, arrestate dai carabinieri.

Come Gomorra. Anzi, Gomorrakech, sottolinea qualcuno, perché quello che è successo all’interno degli spazi dell’ex Snia di Varedo è stata una vera e propria guerriglia con tanto di assalti armati, tra bande di irregolari nordafricani, per gestire il controllo dello spaccio nella fabbrica abbandonata.

LEGGI il controllo straordinario alla Snia

L’operazione conclusa dai carabinieri del comando provinciale di Monza e Brianza ha portato al fermo di dodici persone chiesti dalla procura di Monza e convalidati dal gip con ordinanze di custodia cautelare in carcere. Si tratta di appartenenti a diversi clan che si contendevano la zona diventata meta di tossicodipendenti anche grazie all’isolamento e alla presenza della stazione ferroviaria nelle vicinanze. E tra loro, anche una coppia composta da una donna italiana e un giovane tunisino che si è prestata a un pericoloso doppio gioco di fiancheggiamento a tutti i gruppi coinvolti.

Una “guardia” armata all’ex Snia di Varedo

Una “guardia” armata all’ex Snia di Varedo

LEGGI l’aggressione a colpi di fucile

Le forze dell’ordine definiscono l’ex Snia, prima dell’intervento, una delle più grosse piazze dello spaccio in Brianza. Lì agivano uomini di origine nordafricana non regolari con clan entrati in conflitto: gli arresti riguardano persone coinvolte anche in tre tentativi di omicidio con fucili e pistole organizzati da una banda estromessa dalla gestione del traffico di droga. Nel corso dell’operazione i militari hanno recuperato 200 grammi di cocaina, eroina e hashish, una pistola con matricola cancellata e hanno arrestato altri due spacciatori.


© RIPRODUZIONE RISERVATA