Trasporto pubblico: da lunedì 15 luglio biglietto Atm a 2 euro, via all’era del ticket integrato
La linea lilla della metropolitana

Trasporto pubblico: da lunedì 15 luglio biglietto Atm a 2 euro, via all’era del ticket integrato

Parte la rivoluzione: da lunedì 15 luglio il biglietto Atm per viaggiare sul trasporto pubblico locale costerà 2 euro e potrà essere timbrato più volte nell’arco dei 90 minuti di possibile utilizzo. Il biglietto e tutti gli abbonamenti varranno anche sui treni di Trenord, in tutto il territorio della Città metropolitana di Milano e Monza e Brianza.

Parte la rivoluzione: da lunedì 15 luglio il biglietto Atm per viaggiare sul trasporto pubblico locale costerà 2 euro e potrà essere timbrato più volte nell’arco dei 90 minuti di possibile utilizzo, anche in metropolitana, e avrà una validità più estesa, comprendente anche i 21 comuni di prima fascia, tra cui Rho Fiera, Sesto San Giovanni, Rozzano, San Donato, Bresso, Bollate, Segrate, Cinisello Balsamo, Vimodrone, Cesano Boscone, Corsico, Settimo Milanese, Novate, Cologno Monzese, Peschiera Borromeo. Inoltre il biglietto e tutti gli abbonamenti varranno anche sui treni di Trenord, in tutto il territorio della Città metropolitana di Milano e Monza e Brianza.

LEGGI: Trasporti pubblici: la nuova tariffa integrata

LEGGI: Trasporti pubblici: tre simulazione di biglietti per Monza e Brianza

Previsti una serie di vantaggi: per le famiglie con tre figli a carico sconto del 50 per cento sul costo dell’abbonamento annuale. Gratuità fino ai 14 anni d’età e per gli over 65 con Isee inferiore a 16mila euro e per le insegnanti che accompagnano le scolaresche in gita (una ogni 10 studenti) e per gli animali d’affezione.

I biglietti già in possesso dei viaggiatori acquistati e non utilizzati prima di lunedì 15 luglio possono essere usati fino al 12 ottobre e gli abbonamenti in corso sono fino al termine della validità.

Il Comune di Milano ha elogiato la rivoluzione al via in quanto all’incremento del costo del biglietto ha fatto da contraltare la tutela di pendolari, lavoratori, famiglie, giovani e anziani rispetto a turisti e utenti occasionali.

E a proposito di giovani e l’abbonamento loro riservato le tariffe ridotte (mensile e annuale a 22 e 200 euro) restano invariate, ma si passa dai 26 ai 27 anni per beneficiarne con un’estensione delle agevolazioni fino ai 30 con Isee sotto i 28mila euro. Per gli abbonamenti per gli over 65 con reddito Isee tra 16 e 28mila euro il costo dell’annuale sara’ di 200 euro. Previsto anche un abbonamento annuale a 50 euro per persone con Isee inferiore ai 6mila euro, per i disoccupati con Isee inferiore ai 16.900 euro e per i detenuti in permesso lavorativo esterno al luogo di detenzione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA